Cosenza, 25enne bruciato Ucciso da amici ubriachi

Un ragazzo di 25 anni è stato trovato carbonizztao questa notte in un vicolo di Acri. Due amici sono stati fermati dai carabinieri con l'accusa di omicidio volontario aggravato dai futili motivi. Potrebbe trattarsi di una lite fra ubriachi

Cosenza - Un giovane di 25 anni è stato trovato carbonizzato questa notte intorno alle 3 in un vicoletto della cittadina di Acri. La vittima si chiama Fabrizio Greco ed è noto in ambienti investigativi per piccoli precedenti penali e come assuntore di sostanze stupefacenti e alcoliche.

Fermata una persona Sono stati fermati dai carabinieri del reparto operativo e della compagnia di Rende entrambi gli amici di Fabrizio Gallo. I due giovani, dopo essere stati interrogati per diverse ore dal magistrato di turno, sono stati fermati con l’accusa di omicidio volontario aggravato da futili motivi. La ricostruzione dei fatti è ancora da completare e, secondo quanto si è appreso, un’altra persona sarebbe rimasta ferita, riportando delle ustioni su diverse parti del corpo, e ora si trova ricoverata nell’ospedale di Acri. Sarebbe stato lo stesso aggressore a chiamare il 118. Secondo le prime ricostruzioni dei carabinieri gli aggressori avrebbero gettato della benzina addosso alla vittima, dandogli poi fuoco.

Lite fra ubriachi
La tragedia è avvenuta in seguito a una lite, scaturita dai fumi dell’alcol. I giovani pare avessero infatti bevuto. Nel gesto, uno degli aggressori si sarebbe bruciato le braccia. Impaurito, ha subito chiamato i sanitari. Greco avrebbe iniziato una corsa folle, a piedi, avvolto dalle fiamme. Poi si sarebbe accasciato nella centralissima via Roma, esanime.