Cosenza

da Roma

Dal 2006 il sindaco di Cosenza è Salvatore Perugini che ha ereditato dalla precedente gestione di Eva Catizone una bella «impalcatura» multimediale. Il comune calabrese dispone di un canale informativo via web e di una Tv civica che opera in convenzione. Le due strutture impattano sull’elenco degli incarichi e delle consulenze anche se gli importi erogati non sempre rispecchiano quelli stanziati. Vincenzo Iaconiani (9.176,52 euro stanziati e 418,89 pagati), Pietro Carbone (27.464 e 2.396), Aldo Fuoco (12.336 e 1.917) Daniela Ielasi (10.800 e 864,5) fanno parte dello staff che si alterna tra tv e Internet. Ma 60mila euro non sono comunque pochi per una città di circa 70mila abitanti. Forse la Calabria ha altri problemi ma il comune di Cosenza ha comunque stanziato 27.464 euro (2.396 versati) per il coordinatore tecnico audio-luci per convegni e dibattiti e ben 13.860 euro per i servizi fotografici. Ben compensato anche il direttore artistico delle attività teatrali, Italo Nunziata (47.760 euro previsti e 11mila versati). Certo, si tratta di importi inferiori a quelli percepiti dal capo di gabinetto del sindaco (82.193 euro versati) e dal capo della segreteria particolare (89mila euro previsti).