Cosmi e l’arbitro affondano una piccola Samp

Due gravi errori di Sala e Pavan compromettono il risultato ed escludono il Doria dalla Coppa

Federico Casabella

Castellazzi voto 6: superato dal passaggio di Candela per Di Natale, in fuorigioco, in occasione del primo gol. Battuto da un preciso diagonale di Pieri sul 2-0, non ha grossi problemi su gli altri sterili interventi che deve compiere.
Castellini voto 6.5: contro di lui c'è Rossini che non fa niente per metterlo in difficoltà. Bravo a coordinarsi sulla fascia destra, nel primo tempo evita di spingere troppo e aiuta molto a centro area. Nel secondo tempo, invece, lascia la difesa per aiutare in fase offensiva.
Pavan voto 5.5: con Sala colpevole di essersi fatto sfuggire Candela in occasione del vantaggio bianconero. Soffre il pressing dell'Udinese e appare incerto in diverse situazioni.
Sala voto 5.5: prestazione simile a quella di Pavan. Come il compagno ha colpe sul gol dell'1-0: anziché chiudere su Candela lo lascia filtrare a centro area. Tiene a distanza Di Natale.
Pisano voto 7: picchiato duro da Damiano Zenoni, cerca di proporre lanci troppo ambiziosi per i compagni in attacco. Spende tanto correndo avanti e indietro sulla fascia, coprendo le incursioni di Gasbarroni verso il centro. Lotta per tutti i novanta minuti. Grande coraggio in occasione del tiro da trenta metri che batte De Sanctis e riporta in gara la Sampdoria.
Diana voto 5: in questo schema rivisto da Novellino, insieme a Gasbarroni dovrebbe convergere di più verso il centro area. Invece, non appare mai pericoloso, lasciando una squadra già priva di fantasia, senza numeri che possano impensierire la retroguardia bianconera. Delude così tanto da convincere a Novellino a sostituirlo dopo un tempo.
(dal 46') Colombo voto 6.5: riesce a dare più profondità alla squadra rendendo utili gli inserimenti di Gasbarroni e Kutuzov. Quando entra Foti riesce a servrigli un traversone straordinario finalizzato alla grande dal giovane attaccante. In continua crescita, volenti o nolenti, si dovrà puntare su di lui.
Volpi voto 6.5: lavora con intelligenza in mezzo al campo supportando Palombo e Dalla Bona. Contiene l'avanzata di Baronio che combina poco. Esce sfinito.
Dalla Bona voto 5.5: parte male sbagliando passaggi elementari, carbura in corso d'opera. Gioca davanti alla difesa contro Tissone che riesce a rubargli più volte il tempo. Ma le prove suffcienti da quando è arrivato si contano sulle dita di una mano. (dal 57') Foti voto 7: entra e, con Colombo, vivacizza il gioco blucerchiato. Ottimo l'inserimento ed il gesto tecnico in occasione del suo primo gol in una gara ufficiale tra i professionisti. Vede bene il gioco e si dimostra molto abile con la palla tra i piedi. Un giocatore che avrà futuro.
Palombo voto 6: cerca di giocare in appoggio a Gasbarroni nel primo tempo e a Kutuzov nel secondo, quando Novellino cambia schema. Volenteroso e pulito nel gioco è il solito giocatore generoso che con Volpi regala garanzie al gioco blucerchiato.
Gasbarroni voto 6.5: l'unico che può dare fantasia alla squadra. Purtroppo, nel primo tempo, predica nel deserto. Sostituito, perché tra tre giorni si gioca di nuovo (69’ st. Marchesetti 6: fa quello che può).
Kutuzov voto 5.5: solo in avanti, è sfortunato in occasione del palo alla mezz'ora ma gli mancano i guizzi giusti per cercare la porta quando Gasbarroni gli offre l'opportunità. Nella ripresa si sposta sulla sinistra senza creare più pericoli. Prova di volontà ma poca lucidità.
Novellino voto 6.5: non ha più giocatori, tanto che per non rischiare Colombo è costretto a schierare Kutuzov unica punta, proponendo un, per lui inedito, 4-3-2-1. Nel secondo tempo prova il tutto per tutto con Colombo e Foti. La squadra è generosa ma manca la fantasia di qualcuno che concluda verso la porta avversaria.
Arbitro Rodomonti: voto 4. Inverte spesso i falli, ammonisce a caso e soprattutto non vede il fuorigioco, poco aiutato dal guardalinee, in occasione del primo gol dell’Udinese.