A Cossiga insulti... da Nobel

Insulti da Nobel ottuagenari, Dario Fo (nella foto) non perde il vizio e, dall’improvvisata cattedra dell’università Cattolica a Milano lancia il suo anatema contro il «coetaneo» presidente emerito Francesco Cossiga: «Quel personaggio folle che è il presidente della Repubblica in pensione ha detto una cosa come un deficiente ma con una lucidità spaventosa». Il riferimento era diretto ai consigli di Cossiga su come combattere le manifestazioni studentesche. Il galantuomo Fo ha poi fugato i dubbi su un nuovo ’68: «Non c’è lo sbrago, i bastoni negli striscioni e soprattutto la follia di quei giorni». Già, passano gli anni, ma non cambiano i vizi: a fine lezione tutti a contestare Tremonti. È lo sport nazionale.