Costa (Pdl) il consigliere che lascia la sala quando parlano gli assessori «foresti»

(...) da Rapallo ora il Chioggia sestrino, eccezion fatta per il G.B.Raggi da Castelletto, votato al bilancio e sempre ossequioso verso il collega commercialista più anziano, smaccatamente benevolo nei confronti del genovese. Noblesse oblige? Spirito di corpo; ma il Raggi si sente fortemente discriminato e solidarizza: «Se Costa ritiene di dover uscire quando parlano Chioggia e Fracchia, non capisco perché debba rimanere durante i miei interventi». Giovane il Raggi, che certe battute gli vengono così sull'onda e si sa mai dove vanno a parare. Questione di modi e maniere, ma il peccato originale resta: non-sono-di Santa-che-ne-sanno-di-Santa. Frecciatina oggi e stoccata domani, lo scontro bifronte inizia lunedì sera col Fracchia, sulla pratica ospedale («pensi a quello che ha combinato a Rapallo prima di venire a combinare qualcosa a Santa») e finisce di consumarsi sull'ex scuola di Nozarego, il lascito che il Comune vuole vendere preventivando un'entrata di quasi tre milioni di euro. A raffica le obiezioni, con Bottino che la butta sul criterio di necessità nella gestione dei lasciti: «Non credo sia il momento di alienare - insiste - Perché dismettere tutto il patrimonio di questo Comune adesso?» Il Pdl Chiarelli gli fa sponda («prima di vendere bisogna individuare gli scopi da perseguire») e Costa coglie l'attimo: «Certe operazioni non possono essere portate in consiglio in modo così brutale-obietta il consigliere-Era necessario il passaggio in commissione». De Marchi illumina focalizzando sul patrimonio immobiliare da utilizzarsi in funzione dello sviluppo della città, e mentre Chioggia prova a spiegare l'antefatto ad ovo,«l' ex scuola di Nozarego è un bene del patrimonio...», il Costa furioso entra a gamba tesa e si libera il gargarozzo: «Ma cosa vuole saperne di Nozarego e della scuola lei che viene da Sestri Levante». Lapalissiano, no? In barba ai campanilismi incrociati, sordo all'orgoglio sestrino e già avvezzo a tiri di sorta, il Chioggia mantiene il controllo; storia vecchia, quasi obsoleta, «almeno un po' di educazione consigliere Costa». Che molla lo scranno e la sbollisce in esterna.