Costanzo al posto di «Verissimo» Perego di domenica

In autunno rivoluzione a Canale 5: il giornalista avrà un «magazine» al pomeriggio. Il rotocalco diventa settimanale. Il progetto svelato da sms inviati dalla starlette Lubamba di «Markette». Tg5 in subbuglio

Laura Rio

da Milano

Prima di tutto le novità: Maurizio Costanzo al posto di Verissimo e Paola Perego alla conduzione della domenica pomeriggio. Una vera rivoluzione nel palinsesto di Canale 5, che, in sostanza, significa che lo staff di Tutte le mattine migrerà al pomeriggio per dare vita a un news magazine. E che la Perego sarà alla guida della prima parte di Buona domenica centrata sui reality.
Ma il retroscena divertente è come la notizia sia trapelata. Il tutto è nato da una falsa agenzia inviata via telefonino da Sylvie Lubamba, la «guastatrice» markettara di Chiambretti, a vari addetti ai lavori ieri mattina in cui si annunciavano i due cambiamenti sopra menzionati. Sms che ha scatenato una reazione a catena. Cronaca della giornata: alle 11,30 di ieri l’agenzia Ansa batte la notizia, dettata da Costanzo, del suo trasloco al posto di Verissimo. Modalità che lascia esterrefatti i vertici Mediaset: ma come si permette Costanzo di annunciare un tale cambiamento, compito che spetta alla direzione dell’azienda? Il fatto è che sul telefonino di una collaboratrice del giornalista era arrivato un messaggino che testualmente recitava: «Lub(ansa): da settembre Paola Perego condurrà Buona domenica, confermato Lippi, nel cast Stefano Bettarini, Sylvie Lubamba. Costanzo al timone di Verissimo». Il giornalista, informato dalla sua autrice e credendo che fosse un lancio di agenzia vero (e cioè arrivato nelle redazioni dei giornali) si affretta a fare tutte le precisazioni del caso, illustrando i particolari dei cambiamenti. Apriti cielo! Letta l’agenzia, partono le telefonate tra Cologno e il giornalista. Ma ormai, la frittata è fatta. E Mediaset prepara un comunicato in cui si confermano nella sostanza le notizie date da Costanzo, sottolineando però che i «palinsesti sono ancora in via di definizione» e che comunque Verissimo non verrà del tutto soppresso ma troverà un’altra collocazione.
Comunque, se tutte le notizie saranno confermate, in autunno vedremo un «Tutti i pomeriggi» condotto da Costanzo con il suo staff, all’incirca dalle 16,30 alle 18, prima del nuovo quiz presentato da Amadeus. Invece per Verissimo si sta studiando una trasformazione in settimanale, probabilmente da mettere al sabato pomeriggio. «Di certo non va in soffitta - commenta Mauro Crippa, responsabile dell’informazione Mediaset - l’azienda tiene moltissimo al patrimonio professionale accumulato dal programma, e a settembre il pubblico avrà una bella sorpresa». Ma perché eliminare Verissimo? Certo, il rotocalco di Canale 5 ha passato un anno travagliato tra cambiamenti di conduzione e lotte interne tra la conduttrice Perego e i giornalisti, ma la situazione sembrava risolta con il passaggio della testata dal Tg5 a Videonews, la struttura dedicata agli approfondimenti. La questione riguarda i costi: Tutte le mattine, rispetto al ristretto bacino d’utenza, era troppo oneroso. Urgeva trovare un’altra collocazione a Costanzo. Spostata, però, la casella del giornalista al pomeriggio, non si poteva lasciare senza un programma Paola Perego (che a gennaio 2007 riavrà la Talpa), chiamata in corsa per soccorrere un sofferente Verissimo. Soluzione: la showgirl passa alla domenica pomeriggio a parlare di reality, cosa che ha fatto spessissimo nelle ultime settimane. Infuriati i giornalisti del Tg5, da cui fino a qualche settimana fa dipendeva Verissimo. Il Cdr, sindacato interno dei giornalisti, esprime «la più viva protesta. Se la notizia fosse vera, vorrebbe dire che lo spazio pomeridiano è stato sottratto al Tg5 con l'inganno e si configurerebbe come un atteggiamento oltraggioso nei confronti dell'organismo sindacale che ha condotto la trattativa (di passaggio di Verissimo a Videonews) e di tutti i giornalisti del Tg5 e di Verissimo. La redazione del Tg5 annuncia che, in queste eventualità, reagirà nella maniera più decisa».
La domenica (che fine farà Roberta Capua?) sarà comunque coordinata da Costanzo e sarà così combinata: alle 14 «accoglienza» con il giornalista, passaggio di testimone alla Perego fino alle 18,50, poi rientro in studio di Costanzo con interviste a personaggi dello spettacolo e dell’attualità. Costanzo così si sgrava dalla fatica di parlare con i «ragazzotti» del Gieffe e i semi vip in cerca di popolarità attraverso i reality, e rimette in piedi, rivisto e corretto, il suo storico Show. In più, si chiude anche un’altra questione. Il passaggio del programma Serie A a Italia Uno con la conduzione di Piccinini. Infine, l’ultima casella. Cosa si metterà al mattino al posto di Costanzo? Circolano le voci di uno spostamento di Mara Venier a Canale 5. Così si completerebbe la migrazione degli artisti gestiti dal manager Lucio Presta dalla Rai a Mediaset cominciato con Bonolis e continuato con la Panicucci e Amadeus, in una inedita coalizione Costanzo-Presta.