La Costazza scia sul podio e lancia Rocca nello slalom

L’azzurro sospeso per 9 mesi dall’Atp. Barazzutti: «Colpiscono i pesci piccoli»

Missione compiuta per Chiara Costazza che voleva il podio e l’ha avuto, che voleva avvicinarsi alle prime sette del mondo e lo ha fatto, che si è presa la bella soddisfazione di battere tutte nella prima manche del primo slalom della stagione, mancando poi la vittoria finale per 30/100, superata solo dalle due più forti, le austriache Marlies Schild (che senza un grave errore sarebbe stata ben più lontana) e Nicole Hosp.
Trenta centesimi, un battito di ciglia, lasciati da Chiara nella parte centrale della seconda manche, quella in cui Schild e Hosp hanno sciato alla grande e quella in cui lei ha patito un po’ la tensione: «Sono felicissima, cominciare la stagione con il primo podio della carriera mi dà una carica enorme, ancora di più perché questa pista non era ripida e ghiacciata come piace a me». Per la simpatica poliziotta ventitreenne di Pozza di Fassa che ama ballare, il miglior risultato finora era stato il 4° posto, sempre in slalom, ottenuto a Zagabria lo scorso gennaio.
Chiara è parsa molto migliorata tecnicamente, davvero importante per lei sembra essere la presenza al suo fianco del cugino Stefano Costazza, silenzioso ma bravissimo allenatore che ha dato una nuova impronta alla squadra, infondendo alle atlete calma e sicurezza nei loro mezzi. Dopo la vittoria della Karbon e i piazzamenti di Mölgg e Gius a Sölden, anche ieri le italiane si sono fatte onore, finendo in 4 a punti: oltre a Chiara ecco 9ª Gius, 14ª Mölgg, 25ª Karbon.
Oggi tocca agli uomini e anche se la pista di Reiteralm è davvero banale, si attende una gara tiratissima e spettacolare, con almeno dieci atleti in grado di vincere. Fra loro Manfred Mölgg e Giorgio Rocca.