«Costruiamo un’identità»

«Stiamo andando verso un mondo che deve abbattere i pregiudizi. L’arte può fare molto per la costruzione della nostra identità». Magali Claude è una bella francese di madre giamaicana e padre delle Antille: a Milano presenta un lavoro interessante, basato sulla ricerca di tutti i «black people», le persone di colore, che hanno fatto qualcosa di importante nella storia. Chi scrive non è riuscito a contare il numero di foto che Magali ha scovato e riadattato secondo il suo senso artistico: «In Europa i neri non sono ancora integrati e fare questa ricerca è servito per dimostrare chissà, forse anche a me stessa, che non siamo poi così male…». Sorride: «Guai se noi artisti non cedessimo all’ironia».