Coutts con Bmw Oracle

Sono giorni intensi per il magnate americano Larry Ellison, patron del team Bmw Oracle, uno dei sindacati in lotta per la prossima Coppa America di vela. Dopo essersi fatto portavoce dei «deboli» contro la tirannide di Alinghi, portando gli svizzeri davanti alla Corte suprema di New York, l’undicesimo uomo più ricco della terra (secondo l’autorevole Forbes) ha annunciato ieri il colpaccio per la trentatreesima edizione della competizione velistica più antica al mondo: il prossimo skipper di Bmw Oracle sarà infatti Russell Coutts. Neozelandese, 45 anni, Coutts vanta un palmarès invidiabile. Il primo successo di una certa importanza arrivò nel 1984, quando vinse la medaglia d’oro alle olimpiadi di Los Angeles nella classe Finn. Poi si specializzò nella Coppa America, prima con New Zealand, con cui portò a casa il trofeo nel 1995 (da sfidante del defender Young America) e nel 2000 (battendo la nostra Luna Rossa), poi con Alinghi con cui primeggiò nel 2003 (sconfiggendo proprio i Kiwi allora campioni in carica). Ora Coutts potrà provare l’impresa di conquistare il quarto trionfo con il terzo team diverso. Ellison è il primo a crederci.