Cova: «Distribuiti più di 5 milioni di pass per oltre 400 società»

È stata la prima iniziativa lanciata da Qmi agli esordi della sua avventura imprenditoriale, tra la fine del 2004 e l'inizio del 2005. Stiamo parlando della rete Iovadoalcinema, che con le sue 2.350 sale federate e convenzionate coinvolge la quasi totalità dei cinema italiani, dai grandi multisala delle catene The Space e Uci fino alle sale d'essai, e assicura la copertura di tutte le province. Grazie a questa rete, unica in Italia per diffusione e capillarità, Qmi offre alle aziende clienti la possibilità di regalare una serata al cinema, vale a dire quella che, secondo le rilevazioni dell'Istat, rappresenta ancora oggi l'attività ricreativa preferita. A tal fine, Qmi ha lanciato i buoni «Iovadoalcinema Pass», utilizzabili in una qualsiasi delle sale appartenenti al network. Cartacei o elettronici, sono personalizzabili con la grafica che più si addice e possono essere validi per uno o più ingressi, per un film specifico o per qualunque titolo in programmazione, in 2D e/o in 3D. L'utente finale interessato, inoltre, può consultare la lista dei cinema convenzionati e la relativa programmazione semplicemente accedendo al sito Internet www.iovadoalcinema.it. Le aziende, per lo più, utilizzano i buoni per premiare dipendenti o rivenditori meritevoli o, più spesso, per promuovere i propri prodotti, incentivandone l'acquisto con la prospettiva di un ingresso gratuito al cinema. «Una promozione di questo tipo - spiega Giovanni Cova, presidente di Qmi - è particolarmente efficace, perché in qualche modo lega il prodotto a un momento di piacevole svago, portandolo più vicino al cuore del consumatore». Nel corso del 2010, Qmi ha distribuito più di cinque milioni di buoni «Iovadoalcinema Pass», per oltre 400 aziende.