Crac Pellicano, Ponzonisi è costituito alla GdF

Il consigliere regionale lombardo del Pdl, colpito ieri da ordine di cattura da parte della procura di Monza, è accusato di corruzione, bancarotta e altri reati

Si è costituito questa mattina Massimo Ponzoni, il consigliere regionale lombardo del Pdl colpito ieri da ordine di cattura da parte della Procura di Monza per corruzione, bancarotta e altri reati. Ieri erano stati arrestati altre quattro indagati tra cui il vicepresidente della provincia di Monza Antonino Brambilla, mentre per Ponzoni - che si trovava all'estero - si era temuto che si fosse dato alal fuga e la Procura stava per dichiararlo latitante.

Invece questa mattina Ponzoni, accompagnato dal suo legtale Luca Ricci, si è presentato alla Guardia di finanza per essere trasferito in carcere. A suo carico la procura di Monza contesta ben diciotto capi di imputazione: secondo le accuse Ponzoni avrebbe speso 1,6 milioni di campagna elettorale, provenienti in buona parte da finanziamenti illeciti. Avrebbe inoltre dispensato appalti, licenze edilizie e cariche pubbliche in cambio dei finanziamenti e avrebe intrattenuto rapporti con i clan della malavita calabrese.