Credito fiscale Bonus energia: non ci sarà retroattività

La stretta sulle detrazioni fiscali del 55% su pannelli solari, impianti di climatizzazione, infissi salva bolletta e caldaie a basso consumo ci sarà. Perché il credito fiscale non può essere usato «come un bancomat», senza limiti e concesso a chiunque. Però i limiti agli incentivi posti dal governo con il decreto anti crisi non saranno retroattivi e quindi non intaccheranno le richieste per le agevolazioni che sono già in corso. La precisazione è arrivata dal ministro dell’Economia Giulio Tremonti, dopo due giorni di polemiche sui limiti agli ecoincentivi inseriti nel pacchetto: «La retroattività non ci può essere e il Parlamento la correggerà, ma voglio sul futuro ribadire un criterio: i crediti di imposta non possono essere un bancomat. Spesso sono stati usati così creando un effetto di illusione per i beneficiari. È assolutamente incivile e con questo governo non ci sarà». In sostanza gli sconti d’ora in avanti saranno subordinati alla disponibilità di risorse, secondo dei tetti stabiliti per legge. Altro argomento delicato è quello delle tariffe. «Le bollette devono scendere, abbiamo attivato meccanismi che le faranno scendere», ha assicurato Tremonti.