«Creiamo un legame»

Si prendono cura delle fasce più deboli della società: anziani e minori. Sono quasi tutte donne, di diverse nazionalità. Lasciano la famiglia nel loro Paese e ne prendono in carico un’altra. Sono le badanti. Alla loro formazione è stato dedicato a Milano un convegno. «Le badanti svolgono mansioni delicate, non solo dal punto di vista fisico, poiché instaurano con gli anziani o i minori dei contenuti emozionali forti», spiega Ilaria Corti, psicologa milanese che ha studiato a fondo il fenomeno. «A causa del carattere pervasivo dell’attività di cura, è difficile per le badanti intrecciare relazioni esterne. Il loro isolamento non solo rallenta l’integrazione, ma impedisce di migliorare il comune sapere sul lavoro di cura». Qualcosa però si può fare, come spiegano gli intervistati qui a lato.