Dal crema al verde, tutti i colori dei nostri tram

Tram di Milano: se ne vedono di tutti i colori. Sono verdi i Sirio; arancioni o color giallo-crema e panna i vecchi e sferraglianti 1928 carrelli; pieni di pubblicità i pesanti Jumbo-tram progettati nel Settanta dall'architetto Giovanni Klaus Koenig. In città, ogni giorno viaggiano in tram un milione 400 mila passeggeri su 298 chilometri di binari e 21 linee. Dati di cui andare fieri, anche se l’eccessiva policromia non aiuta a conferire una immagine unitaria, coordinata e dunque affidabile del servizio.
Ma arriva il mea culpa dell’Atm: «Nei prossimi quattro anni uniformeremo l'intera flotta secondo due colori: il giallo-crema che comprenderà i tram, i servizi BikeMi e quelli di car sharing GuidaMi, e il "verde Ecobus" per bus e filobus». Bene così. Basta infatti appostarsi in piazza Cordusio per veder sfilare un carosello di tinte unico in Europa. Perché a Parigi i tram sono tutti verde smeraldo; a Berlino hanno un colore giallo-agip; a Londra i famosi autobus a due piani sono rossi amaranto. Tutte livree che resistono negli anni in quanto distintive della Corporate identity delle rispettive aziende di trasporto.
A Milano invece il guazzabuglio deriva in parte dal rinnovo dei mezzi e in parte dalla progressiva perdita di identità di cui la città andò tanto fiera in passato. «Il colore arancione - rispondono in Atm - venne introdotto sui mezzi di superficie negli Anni Settanta con una legge regionale. Fino ad allora i tram erano stati verdi. La prima deroga arriva nel Duemila con l'acquisto e la messa in servizio dell'Eurotram». In quell'occasione nessuno disse ai costruttori di consegnare i mezzi col colore arancione di scuderia: «La livrea verde per l'Eurotram venne ripescata per meglio far notare ai milanesi l'arrivo di questi nuovi mezzi».
È il grimaldello che apre la porta ad Arlecchino: nel 2007 Atm ristruttura i gloriosi «carrelli» fabbricati a partire dal 1927, prevedendo di restituirne alla città una cinquantina con la colorazione originale degli Anni Venti: giallo - crema e panna. Siamo a Sant'Ambrogio 2008 e i primi gialloni appaiono in servizio sulla linea 1 che attraversa luoghi simbolo di Milano: via Manzoni e piazza della Scala. Un ritorno di orgoglio cittadino? Forse proprio per questo il colore piacque subito ai milanesi. Tanto che, chiamati a esprimersi attraverso un sondaggio on-line, scelsero il giallo - crema (82 per cento dei 4 mila 430 votanti) anche per i Sirietto da 26 metri di ultima generazione (68 nuove vetture in progressiva apparizione sui binari cittadini). «La livrea di questi ultimi tram è stata realizzata con una pellicola anti-vandalismi e anti-graffiti che renderà più veloci ed economici gli interventi di manutenzione». Tutti colori che si sono aggiunti ai precedenti, determinando l'attuale disomogeneità e la decisione di uniformare al più presto i colori. E di qui al 2011, Atm prevede di effettuare investimenti per circa un miliardo di euro. A partire dallo scorso 2008 sono già entrati in servizio 227 nuovi mezzi: 144 radiobus, 30 filobus, 42 tram e 11 treni Meneghino destinati alla Mm.