Per crescere Vodafone cambia strategie

nostro inviato a Barcellona

Le società di tlc vogliono diventare sempre più multimediali. E oltre a offrire contenuti sperano di riuscire presto a raccogliere anche pubblicità. «La pubblicità – ha spiegato Arun Sarin, amministratore delegato di Vodafone presente ieri al 3Gsm, la fiera delle comunicazioni mobili di Barcellona – è uno dei fattori che ci aiuterà a crescere. Bisogna però definire le misure dei video advertising e dei banner che gli operatori potranno trasmettere sotto forma di pubblicità personalizzata ai loro utenti».
Quanto al futuro di Vodafone, Sarin vede rosa. «Oggi abbiamo oltre 200 milioni di clienti che diventeranno presto 300 milioni anche grazie all’acquisizione di Hutchinson Essar in India. Abbiamo deciso di rivoluzionare la nostra strategia puntando su Paesi emergenti». Per gli analisti, però, Vodafone, che detiene in India una quota di mercato pari al 16%, dovrà raggiungere almeno il 25% per rendere sostenibile la cifra pagata per Hutchinson Essar pari a 11,1 miliardi di dollari. Per aumentare gli utili della società, Sarin vuol percorrere anche nuove strade offrendo agli utenti servizi utili. «Stiamo mettendo a punto un sistema con Mastercard – ha aggiunto – che permetterà agli emigranti di fare rimesse dirette a casa dei propri risparmi con commissioni molto contenute».