In crescita le vendite al dettaglio

da Milano

Sono piuttosto positivi i dati del commercio al dettaglio: dopo l'incremento di agosto, a settembre 2005 le vendite sono aumentate, rispetto allo stesso mese del 2004, dell'1,1% (prodotti alimentari più 1,8%; prodotti non alimentari più 0,5%). Lo comunica l'Istat, specificando però che i valori delle vendite incorporano la dinamica sia delle quantità che dei prezzi.
L'indice destagionalizzato, invece, ha subito una variazione negativa dello 0,1% (crescita nulla per i prodotti alimentari; meno 0,2% per quelli non alimentari). Si mantengono quindi positive le cifre sul trimestre: il dato tendenziale ha segnato un più 0,3% e quello congiunturale un più 0,2%.
Rispettando un trend che si nota ormai da tempo, l'aumento tendenziale dell'1,1% del valore totale delle vendite è il risultato di variazioni positiva più delle vendite della grande distribuzione (più 2,2%), che di quelle delle piccole imprese (più 0,3%).
Secondo il viceministro alle Attività produttive, Adolfo Urso, il dato di settembre «è certamente un buon segnale che indica una ripresa in corso soprattutto per le famiglie e fa ben sperare in vista delle festività di fine anno».