Cresciuti i reati di terrorismo Omicidi raddoppiati in 5 anni

A Milano aumentano i reati di terrorismo, soprattutto di matrice islamica. Ma in città, il dato forse più allarmante è il preoccupante incremento degli omicidi volontari, che in cinque anni è quasi raddoppiato, passando dai 129 consumati tra il luglio 2001 e il giugno 2002 ai 229 contati nello stesso periodo dello scorso anno. Ma non solo. Nei processi per direttissima, tre imputati su quattro sono stranieri. La procura penale ha visto inoltre un aumento considerevole degli episodi di pedofilia e in generale di violenza sessuale (anche nei luoghi pubblici) e dei reati ambientali. Riduzione consistente invece delle truffe che nel 2005 avevano addirittura toccato quota 49.403 e che invece lo scorso anno si sono abbassate a 14.924. È sempre alto, nonostante le più sofisticate forme di tutela messe in atto, il numero di rapine alle banche e agli uffici postali: 86 nell’anno. In pratica una ogni cinque giorni. Diminuiscono invece in tutto il distretto gli infortuni mortali sul lavoro. E veniamo ai dati sul terrorismo. Nel periodo preso in esame sono stati 39 i procedimenti iscritti per reati di terrorismo, mentre quelli di stampo mafioso sono stati 117, 11 dei quali fanno riferimento alle cosiddette mafie straniere. Dodici sono stati i procedimenti relativi a episodi di corruzione. Nettamente diminuiti i reati per falso in bilancio e materia tributaria. Molte le inchieste per abusi di mercato, tutela del risparmio e bancarotta, mentre secondo i dati della Procura sono in crescita i reati informatici.