Crescono gli assicurativi

Piazza Affari ha registrato un nuovo rialzo che la pone ai massimi dell’anno in corso. Gli indici ufficiali hanno registrato una crescita di poco inferiore all’1%, attraverso scambi che, anche ieri, hanno sfiorato i 7 miliardi di controvalore. E ciò per merito dell’ampliamento dei temi operativi, che hanno coinvolto il titolo Fiat (più 5,7%), giunto a superare i 14 euro, sulle voci poi smentite, di una cessione di Iveco. Ne hanno tratto beneficio anche le holding del gruppo, con Ifil in crescita del 3,5%, mentre Ifi privilegiate migliora solo del 2% circa. Ancora in fermento il comparto bancario, con interesse per Banca Lombarda (più 2,1%), nuova protagonista del risiko che interessa il settore; recuperi tra le Popolari, ma bene anche Capitalia, Mediobanca e Unicredit. Nuova impennata del warrant Bpi (più 15,3%). Crescono gli assicurativi, che vedono in prima fila Fonsai (più 2,3%), Unipol e Allianz (più 1,4%). La procedura Ue sulla fusione Abertis-Autostrade e il decreto del nostro governo hanno fatto crescere la società italiana del 3,3%. Consolidano i propri livelli i titoli energetici, mentre non si arresta il crollo di Roncadin (meno 2,7 per cento).