Criminalità Pestato a sangue per il portafogli

L’hanno trovato gli agenti a due passi da piazza Caricamento con il volto coperto di sangue e pieno di lividi. Accanto a lui c’erano due guardie giurate che gli avevano prestato i primi soccorsi. Era stato aggredito. Lui, un genovese di 49 anni, aveva creduto di potere tornare a casa a piedi, dopo aver posteggiato poco distante senza correre pericoli, anche se era quasi l’una di notte. Anche se si trovava a passare da Sottoripa. Ma non è stato così.
Sebbene sotto choc è riuscito a raccontare quanto era accaduto. i poliziotti hanno così ricostruito la dinamica dell’aggressione. Il genovese stava camminando a Sottoripa quando gli si sono parati davanti due giovani nordafricani: «Dacci l’orologio e i soldi e le chiavi delle macchina» gli hanno intimato. Lui un uomo di una certa prestanza fisica ha creduto di poter reagire di fronte ai due ragazzotti. È stato un atto istintivo dire andatevene, lasciatemi in pace. Qualche spintone poi i due malviventi hanno tirato fuori i bastoni che tenevano a portata di mano. Hanno preso delle bottiglie di vetro e le hanno spaccate. Poi con violenza e rabbia (...)