Crisi, 13 milioni di disoccupati in più

Nei paesi Ocse sono senza lavoro 45,5
milioni di persone, 13,4 milioni in più rispetto a luglio 2008,
ovvero prima della crisi economica. In Italia si registra un tasso di
disoccupazione dell’8,2%

Parigi - Nei paesi Ocse sono senza lavoro 45,5 milioni di persone, 13,4 milioni in più rispetto a luglio 2008, ovvero prima della crisi economica. In Italia si registra un tasso di disoccupazione dell’8,2%, con aumento di 0,3 punti percentuali rispetto all'agosto del 2009.

I risultati della crisi economica Il tasso di disoccupazione medio nei paesi Ocse ad agosto era all’8,5%, con un picco in Spagna (20,5%) e nella repubblica Slovacca (14,6%), mentre i livelli più bassi si riscontrano in Corea (3,4%), in Austria (4,3%) e in Olanda (4,5%). Nell’Unione europea il tasso di disoccupazione è al 9,6% (0,4 punti percentuali in più rispetto ad agosto 2009), mentre nell’area euro è al 10,1% (0,4 punti in più rispetto ad agosto 2009). L’Italia segna un tasso di disoccupazione dell’8,2%, in calo di 0,2 punti percentuali rispetto all’8,4% registrato a luglio. Il tasso di disoccupazione medio annuo nel 2007 nei Paesi Ocse era al 5,8%, passato poi al 6,1% nel 2008 e all’8,3% nel 2009. In Italia si è passati dal 6,2% di senza lavoro nel 2007 al 6,8% nel 2008 e il 7,8% nel 2009. 

La disoccupazione in Italia Il tasso di disoccupazione nei paesi Ocse ad agosto era all’8,5% con un calo di 0,1 punti percentuali rispetto a luglio, e della stessa entità rispetto ad agosto 2009. Secondo la rilevazione dell'organizzazione di Parigi, in Italia si è invece registrato un tasso di disoccupazione dell’8,2%, con aumento di 0,3 punti percentuali rispetto ad agosto 2009.