Crisi di claustrofobia, aereo dirottato

New York. Un aereo della United Airlines, il volo Ua923 tra Londra e Washington, è stato dirottato su Boston dalle autorità americane, dopo che una donna, che sosteneva di soffrire di claustrofobia, ha cominciato a inveire contro i membri dell’equipaggio. La donna, 60 anni, sarebbe stata colta da un attacco di panico, affermando di soffrire di claustrofobia, e ha quindi avuto un diverbio con le hostess e con altri passeggeri a bordo, costringendo il pilota ad avviare le procedure per l’atterraggio d’emergenza. Le autorità dell’aviazione civile e l’Fbi hanno escluso qualsiasi minaccia terroristica. L’aereo, scortato dai caccia dell’aviazione americana, è successivamente atterrato senza problemi allo scalo Logan di Boston. La donna, dopo essere stata interrogata, è stata fermata con l’accusa di aver creato allarme e disturbo al piano di volo.
In un primo momento si era diffusa la notizia che la passeggera avesse con sé oggetti proibiti e note minacciose che facevano riferimento ad Al Qaida, l’organizzazione terroristica di Osama bin Laden.