Crisi Le Ferrari peggio anche delle Force India

La Force India di Sutil, settimo, è 8 decimi davanti alla Ferrari. Incredibile. Questo dice tutto. Potenza del diffusore furbetto appena montato dal team più sconquassato della F1. Massa e Raikkonen annegano uno 16° e l’altro 18°. Dice Felipe: «Va male e ho fatto un errore»; dice Kimi: «Sarà dura». E in mattina è andato pure in testacoda. Errore anche per lui.
Alonso ironico Dice e scherza Fernando - secondo con il diffusore ibrido - riguardo al tormentone sul suo futuro in Ferrari dal 2010: «Dove mi vedo l’anno prossimo? Alla BrawnGp...». Segno dei tempi che sono cambiati, di questa F1 frullata dove Rosberg è davanti a tutti con la Williams, seguito dallo spagnolo e Trulli su Toyota e Vettel su Red Bull e Webber e Button su BrawnGp.
Rossa col kers In serata, la Ferrari ha sciolto il dubbio: userà il kers su entrambe le vetture, sia in qualifica che in gara (ieri l’aveva solo Massa, un decimo più veloce di Kimi).
Ferrari, diffusore, Schumi e Lauda Il capo della Gestione sportiva, Stefano Domenicali, ha prima confermato che per il gp di Spagna avranno un primo diffusore, poi ha dovuto tamponare le frasi di Lauda sugli italiani che senza Brawn e Todt non combinano niente («non mi piace sentire così, ma risponderemo con i fatti»). Quanto all’affaire Schumi seguito agli errori sul muretto malese, ha detto: «Michael è parte di noi ed è molto importante per il gruppo, a volte può essere ingombrante a causa della sua grande personalità, ma gli aspetti positivi sono più di quelli negativi». Quindi sul campionato: «Lotteremo fino a quando lo dirà l’aritmetica».
Lettera di scuse McLaren Ma c’è chi sta peggio. La McLaren ha mandato una lettera di scuse e mea culpa alla Fia per le bugie malesi. Il processo sarà il 29, la squadra rischia da una multa all’esclusione dal mondiale.
BCLuc