Crisi Fincantieri: ricucita la trattativa si spezzano i nervi

(...) rappresentanti degli enti locali. Durante la mattinata, al semaforo all’angolo tra via Soliman e via Marcello Cerruti ci sono stati momenti di tensione con automobilisti che volevano forzare il blocco. Particolarmente acceso il diverbio con una donna al volante che ha minacciato di denunciare un lavoratore. Secondo gli operai, l’auto della donna è arrivata a grande velocità rischiando di investirli. Stamattina, nello stabilimento di Fincantieri di Sestri Ponente, si terrà un’assemblea con i rappresentanti degli enti locali e i parlamentari liguri. È l’ultima iniziativa organizzata dai lavoratori del cantiere di Sestri Ponente che occupano la palazzina della direzione aziendale dal 14 sera contestando la revoca del premio di efficienza. Il presidente della Regione Claudio Burlando ha già dato la sua adesione. Si prevede che intervenga anche il sindaco Marta Vincenzi. L’assemblea si terrà nella sala mensa. Sempre oggi, nel pomeriggio a Roma, si terrà un incontro convocato in precedenza dal ministro allo sviluppo economico Claudio Scajola per la situazione dell’azienda. A Scajola avevano scritto diversi amministratori locali di Genova, Spezia e Ancona sollecitando un suo intervento. La decisione di anticipare il premio, secondo quanto dichiarato dall’azienda, dimostra la volontà della proprietà di venire incontro alle richieste dei lavoratori, in questa difficile congiuntura economica, nonostante il mancato raggiungimento degli obiettivi prefissati. L’azienda, inoltre, smentisce categoricamente l’ipotesi di chiusura di alcuni stabilimenti.