Crisi: guida utile a tutte le novità varate dal governo

Ecco cosa cambia con il maxi decretone<BR> anticrisi approvato dal Consiglio dei ministri

Dalla detassazione al 50% degli utili reinvestiti dalle aziende in macchinari a bonus per le imprese che non licenziano, da un nuovo rinvio per la «class action» allo slittamento dell'esecuzione degli sfratti, dall'aumento dei rimborsi per i piccoli obbligazionisti e azionisti Alitalia a costi del gas ridotti per le imprese. E ancora, dalla stretta agli stipendi delle società pubbliche alla velocizzazione dei pagamenti della P.A., dall'annullamento delle clausole di massimo scoperto alla stretta delle compensazioni Iva. Sono queste, ma anche molte altre, le novità varate dal governo con il «decretone d'estate» approvato dal Consiglio dei ministri.
Detassazione utili. Arriva la detassazione al 50% degli utili reinvestiti dalle aziende in macchinari e apparecchiature fino al 30 giugno 2010.
Bonus anti-licenziamento. Incentivi alle imprese che decidono di non licenziare in tempi di crisi. Per favorire la conservazione del capitale umano, i lavoratori già destinatari di trattamenti di sostegno al reddito possono essere utilizzati dall'impresa in progetti di formazione o riqualificazione.
Gas meno caro a imprese. Riduzione del costo dell'energia per le imprese. Dal prossimo inverno le imprese grandi utilizzatrici di gas naturale godranno di tariffe di trasporto e di costi del gas ridotti. Secondo il governo anche le famiglie dovrebbero beneficiare degli sconti.
Class action. Un nuovo rinvio per l'entrata in vigore della «class action». L'azione collettiva partirà da gennaio 2010, invece che dal primo luglio 2009.
Sfratti. Resta sospesa per altri sei mesi, fino al 31 dicembre 2009, l'esecuzione degli sfratti. Il termine della proroga attualmente era fissato al 30 giugno.
Rimborsi Alitalia. I rimborsi per i piccoli obbligazionisti Alitalia salgono al 70,97% dall'attuale 30% circa. Saranno rimborsati anche gli azionisti che potranno cedere al ministero dell'Economia i propri titoli per un controvalore determinato sulla base del prezzo medio di borsa delle azioni nell'ultimo mese di negoziazione ridotto del 50%.
Pagamenti P.A. Velocizzazione dei pagamenti della pubblica amministrazione a fronte di somministrazioni, forniture ed appalti. Le amministrazioni dovranno adottare opportune misure entro il 31 dicembre 2009.
Cigs. Al rifinanziamento delle proroghe a 24 mesi della cassa integrazione straordinaria per cessazione di attività sono destinati 25 milioni di euro per il 2009, a valere sulle risorse del fondo sociale per l'occupazione e formazione.
Premio occupazione. In arrivo incentivi per i lavoratori, anche quelli in esubero strutturale, che percepiscono il sussidio di disoccupazione o la cassa integrazione ordinaria e che vogliono avviare un'attività in proprio con partita Iva.
Contratti solidarietà. 190 milioni di euro in due anni per aumentare fino al 20% gli assegni legati ai contratti di solidarietà.
Voucher lavoratori. Possibilità per i lavoratori cassintegrati di lavori brevi pagati attraverso voucher.
Aiuti start-up. Incentivi per aprire un'attività per quei lavoratori che a causa della crisi sarebbero destinatari di trattamenti di sostegno a reddito. Vengono estesi a questi lavoratori gli incentivi già previsti dalla legge per le imprese che assumono lavoratori licenziati o in cassa integrazione.
Massimo scoperto. Sono nulle tutte le clausole contrattuali aventi ad oggetto la commissione di massimo scoperto.
Valuta assegni. Per tutti gli assegni bancari versati in conto corrente la data di valuta e di disponibilità per il beneficiario non può superare i tre giorni lavorativi successivi alla data di versamento. Per tutti gli assegni circolari e i bonifici, la data di valuta e di disponibilità non può superare un giorno.
Mutui. Nel caso in cui la surrogazione del mutuo non si perfezioni entro il termine di 30 giorni dalla data della richiesta del debitore la banca cedente è tenuta a risarcire il cliente in misura pari all'1% del valore del mutuo per ciascun mese o frazione di mese di ritardo.
Investimenti privati. Arrivano misure per lo sblocco di investimenti privati.
Banca dati tesoro-lavoro. Nasce la banca dati integrata fra il ministero dell'Economia e del Lavoro per disporre di una base unitaria di dati.
Sicurezza. Altri 1.250 militari per rendere più sicure le città. Il piano per le città sicure viene prorogato dal 4 agosto fino al 31 dicembre. Vengono rifinanziate per 4 mesi le issioni militari all'estero.
Società pubbliche. Una Tesoreria centralizzata per le controllate al 100% del Tesoro non quotate.
Ammortamento. Accelerazione dell'ammortamento sui beni strumentali d'impresa. Entro il 31 dicembre 2009 si provvede alla revisione dei coefficienti di ammortamento compensandola con coefficienti diversi per beni a consistenza prevalentemente patrimoniale.
Stretta compensazioni. Una stretta sulle compensazioni dei crediti fiscali. L'obiettivo è aumentare la liquidità delle imprese.
Potenziamento riscossione. Una serie di norme per il potenziamento della riscossione.
Paradisi fiscali. Nuove norme per dare attuazione alle direttive Ocse sul contrasto ai paradisi fiscali. L'Agenzia delle Entrate, insieme alla Guardia di Finanza, istituisce un'unità speciale dotata di articolazioni anche all'estero. Arrivano anche misure per il contrasto agli arbitraggi fiscali internazionali.
Stretta stipendi società pubbliche. Una stretta a stipendi e consulenze nelle società pubbliche: dovranno adeguarsi ai divieti che vengono posti a tutte le amministrazioni pubbliche.
Giro di vite invalidità civile. Arriva una stretta sulle frodi in materia di invalidità civile. Dal primo gennaio 2010 le Commissioni mediche delle Asl saranno integrate da un medico Inps che diventerà un componente effettivo.