Crisi immobiliare, sbandano le auto Usa

Le vendite di agosto scendono del 10% in seguito al rincaro dei mutui e al calo dei prezzi delle case

da Milano

Le già calanti vendite statunitensi di automobili potrebbero essere le prossime vittime del terremoto che si è abbattuto recentemente sul mercato azionario e immobiliare americano, inducendo i potenziali acquirenti di autovetture a rimandare gli acquisti a causa dello stato di incertezza.
Le consegne di agosto delle auto prodotte negli Stati Uniti potrebbero subire un calo del 10% rispetto a un anno fa, secondo un recente rapporto della società di ricerche di mercato Edmunds.com. Il dato fa seguito a quello ancora più negativo delle immatricolazioni di luglio, che erano state del 19% sotto i livelli del luglio 2006.
La società di ricerche Cnw Research, specializzata nelle indagini sugli acquirenti di automobili, ha scoperto nel suo ultimo rapporto che il 13,6% dei potenziali clienti del mercato ha cancellato o rimandato i progetti di acquisto di un nuovo veicolo, una percentuale in aumento rispetto al 10,1% dello scorso anno.
E fra coloro che hanno rinunciato, le questioni legate al mercato immobiliare sono salite al posto numero 1, citate dal 17,6% di coloro che si sono tenuti lontani dalle concessionarie, con quasi l’11% che ha parlato della diminuzione del valore della propria abitazione e il 6% che ha lamentato un incremento della rata mensile del mutuo immobiliare.