Crisi, istruzioni per l'uso

Willem Meddelkoop ripercorre gli sviluppi
dell’economia globale svelando i perversi meccanismi della finanza creativa: "La bolla dei crediti è la prova che il sistema finanziario mondiale è
sfuggito di mano"

Milano - Quanto sappiamo davvero dell’attuale crisi economica? Quali sono le cause profonde che l’hanno prodotta? Che cos’è il denaro? E soprattutto: quali saranno le conseguenze della crisi sul medio e lungo periodo?

Ripensare la crisi "La bolla dei crediti è la prova che il sistema finanziario mondiale è sfuggito di mano". Lo sostiene da diversi anni Willem Meddelkoop, giornalista esperto di finanza che aveva previsto gli attuali sviluppi dell’economia globale ben prima che Lehman Brothers fallisse e che i mutui subprime rivelassero i perversi meccanismi della finanza creativa. Il nuovissimo Crisi. Istruzioni per l’uso, edito da De Agostini, spiega con estrema chiarezza, procedendo per domande, come siamo arrivati a questo punto e perché la ripresa non sarà né facile né indolore.

Pratiche poco ortodosse Documenti alla mano, l’autore fa luce sulle pratiche poco ortodosse messe in atto dai potenti della finanza, forse positive nell’immediato, di certo estremamente pericolose sul lungo periodo. Il risultato è un’analisi approfondita del contesto che ha originato e alimentato la crisi, un quadro generale del sistema finanziario e dei suoi retroscena passando per temi critici come l’oro, il petrolio, la Cina, la guerra in Iraq. Sapere reagire alla crisi significa anzitutto avere gli strumenti per capirla.

L'autore Willem Middelkoop, giornalista esperto di finanza, ha lavorato a lungo per il quotidiano olandese Het Parool e per l’agenzia Reuters, fino a diventare un noto commentatore di Borsa nel programma televisivo finanziario Rtl Z. Da dieci anni investe in borsa i propri risparmi.