Crisi, la linea di Obama bocciata dall'Europa: "Banche, niente limiti"

L'Eurogruppo si oppone alla proposta di Obama per imporre nuovi limiti alla
taglia e alle prese di rischio delle banche:
l’applicazione della Volcker Rule in Europa non è in linea con i principi del mercato interno

Bruxelles - I ministri delle Finanze dell’Unione Europea sono uniti nell’opporsi alla proposta del presidente americano Barack Obama per imporre nuovi limiti alla taglia e alle prese di rischio delle banche, ritenendo che l’applicazione della "Volcker Rule" in Europa potrebbe non essere in linea con gli attuali principi del mercato interno. La bozza di documento potrebbe essere ratificata al termine della due giorni di lavori iniziata oggi a Bruxelles.

L'Eurogruppo boccia Obama Nel documento i ministri delle Finanze esprimono la propria "preoccupazione per l’applicazione della Volcker in Europa. Ogni scelta politica dovrebbe evitare di spingere i rischi in altre parti del sistema finanziario". La resistenza alla proposta Obama mostra le divisioni politiche esistenti su come rivedere le regole del sistema bancario per prevenire il ripetersi di crisi che costringano i contribuenti a salvare il sistema finanziario. La bozza di documento, datata 10 febbraio, è stata preparata - riporta Bloomberg - da rappresentanti dei ministeri delle Finanze europei, dalla Banca Centrale Europea e dalla Commissione Europea. Si tratta di un documento di 3 pagine in cui viene anche considerata la proposta di una tassa di stabilità sulle banche e la creazione di fondi nazionali o pan-europei per futuri salvataggi.