Crisi, Montezemolo: "Sarà peggio fra 2 mesi Urgenti le riforme"

L'allarme del presidente della Fiat: "La crisi che stiamo vivendo è la peggiore dal dopoguerra e peggiorerà. Abbiamo bisogno di riforme strutturali e un patto generazionale. Un patto per la riforma delle pensioni,
per recuperare risorse e investire nel futuro dei giovani"

Roma - La crisi che stiamo vivendo "è la peggiore dal dopoguerra e tra due mesi sarà anche peggio". È l’allarme lanciato dal presidente della Luiss e di Fiat, Luca Cordero di Montezemolo, secondo il quale "neanche negli anni ’50 tante persone rischiavamo di perdere il posto di lavoro". Montezemolo ha quindi invocato urgenti riforme strutturali e "scelte sorprendenti". "Abbiamo bisogno di una politica che sia capace di osare - ha detto nel corso dell’inaugurazione dell’anno accademico della Luiss - abbiamo bisogno che ognuno spinga verso riforme strutturali, verso un patto generazionale, un patto per la riforma delle pensioni, per recuperare le risorse ed investire nel futuro dei giovani".

Le riforme più urgenti L’ex presidente di Confindustria ritiene inoltre necessarie la riforma della sanità, quella della pubblica amministrazione e quella degli ammortizzatori sociali.