Crisi mutui, Almunia: "A rischio crescita pil"

Il commissario Ue Almunia: "E' probabile che avvenga un restringimento globale
delle condizioni di credito, mentre è da escludere un brusco rallentamento". La crescita del prodotto interno lordo della zona euro potrebbe arrivare quest’anno al 2,7%

Madrid - La turbolenza nei mercati del credito potrebbe ridurre la crescita economica della zona euro di parecchi punti base nel corso del prossimo anno. Lo afferma il commissario agli Affari monetari dell’Unione Europea, Joaquin Almunia. La crescita del prodotto interno lordo della zona euro potrebbe arrivare quest’anno al 2,7%, ha detto Almunia, aggiungendo che è improbabile che l’instabilità del mercato ponga fine alla ripresa economica della zona euro.

Il commissario Ue ha poi affermato che è probabile che avvenga un restringimento globale delle condizioni di credito, mentre è da escludere un brusco rallentamento.

"Penso che i rischi al ribasso sulla crescita - spiega Alminia - siano cresciuti per l’anno prossimo e probabilmente tutte queste turbulenze ridurranno la crscita europea di quelche decimo di punto". Attualmente la commissione Ue stima al 2,5% la crescita del pil dell’area euro per il prossimo anno. Tuttavia per Almunia "non c’è ragione di pensare che le condizioni finanziarie si faranno più difficili in modo rapido".