Crisi mutui, Bernanke: l'insolvenza crescerà

Il presidente della Fed gela la commissione sui servizi finanziari del Congresso federale Usa: "E i rischi aumentano con i finanziamenti erogati tra il 2005 e il 2006. Non si paga più già dopo le prime rate"

Washington - Le insolvenze nel settore dei mutui subprime sono "destinate a crescere" in un sistema finanziario che negli Stati Uniti è in "condizioni relativamente forti". Il presidente della Federal Reserve, Ben Bernanke, in una testimonianza preparata per l’audizione davanti alla commissione sui servizi finanziari della Camera dei Rappresentanti, rileva la maggiore rischiosità dei finanziamenti ad alto rischio erogati tra fine 2005 e nel 2006, con "insolvenze maturate dopo appena uno o due pagamenti in ritardo delle rate".