Crisi, nel mondo 100 milioni di poveri in più

L'allarme della Banca mondiale: la crisi finanziaria in atto, la peggiore dal 1930, rischia di mettere in ginocchio i paesi emergenti, già alle prese con il caro energia e l’impennata dei prezzi degli alimentari. Dall’inizio dell’anno il numero dei poveri è aumentato di 100 milioni

Washington - La crisi finanziaria in atto, la peggiore dal 1930, rischia di mettere in ginocchio i paesi emergenti, già alle prese con il caro energia e l’impennata dei prezzi degli alimentari. Dall’inizio dell’anno il numero dei poveri è aumentato di 100 milioni e il rischio "è che la cifra salga ulteriormente".

A lanciare l’allarme è il presidente della Banca Mondiale, Robert Zoellick, spiegando come questa "catastrofe è stata creata dall’uomo e sta noi ora trovare le risposte". "I paesi in via di sviluppo, molti dei quali già colpiti dagli elevati prezzi di energia e alimentari, rischiano di vedere andare in fumo i propri sforzi di miglioramento della qualità della vita della popolazione se ci sarà un prolungato rallentamento della crescita globale e una stretta del credito", spiega Zoellick, sottolineando come "sono le fasce di popolazione più povere e vulnerabili a rischiare i danni più gravi in alcuni casi permanenti". Ma la Banca Mondiale, il Fondo monetario internazionale e altri organismi utilizzeranno tutte le risorse finanziarie a loro disposizione per sostenere i paesi in via di sviluppo nel rafforzare le proprie economie e dei propri sistemi finanziari.

Proprio in quest’ottica Zoellick ha annunciato che la Banca sta valutando la possibilità di creare un fondo per aiutare la ricapitalizzazione delle banche nei Paesi emergenti colpite dalla crisi finanziaria. Nella conferenza stampa di chiusura del Development Committeee, Zoellick sottolinea come "la crisi in corso si è manifestata prima negli Usa e poi in Europa, con una reazione da parte della gente di confusione, poi di frustrazione, poi di rabbia e poi di paura. Queste reazioni naturali si diffonderanno nel mondo, visto che l’impatto della crisi di amplia. Queste reazioni vanno prese seriamente".

Gli eventi degli ultimi mesi "hanno evidenziato la necessità di modernizzare il multilateralismo e i mercati per una nuova economia globale. È questo, e non di meno, quello che ci si aspetta da noi". "La crisi attuale - conclude - deve assorbire tutte le nostre energie e la nostra attenzione".