Crisi nera per le prostitute latine: «Le spagnole ci rubano il lavoro»

Crisi anche per le prostitute spagnole. Il mestiere più antico del mondo continuerà a sopravvivere ma ma con fatica. Dopo oltre un decennio di euforia economica, secondo il quotidiano El Mundo «le meretrici della strada hanno meno clienti, che spendono di meno, comprano meno extra». E molte di loro devono fare «un secondo lavoro per sopravvivere». Un fenomeno nuovo è l’arrivo sul mercato del sesso della capitale, dove la stragrande maggioranza delle prostitute sono immigrate latino-americane, di donne spagnole spinte dalle difficoltà economiche. I clienti ora tirano sui prezzi e preferiscono le «novità», ossia le prostitute spagnole, una «specie che era stata data per estinta».