La crisi si fa sentire: la casa d’aste taglia il personale

Un altro settore sprofonda nella crisi, e questa volta riguarda i consumi di chi ha redditi elevati. È il comparto dell’arte e delle case d’asta. Christie’s ha infatti annunciato di avere in programma «una profonda ristrutturazione con significativi tagli del personale», secondo quanto scrive la Bloomberg. A dicembre era toccato all’altra grande casa londinese, Sotheby’s ad annunciare un taglio di personale e salari per 7 milioni di dollari. Sulla situazione attuale pesa infatti una serie di aste, a prezzo garantito per il venditore, andate deserte, che sono costate a Christie’s 48 milioni di dollari. Oltre a questi affari sbagliati, tutte le vendite di Natale sono state deludenti, con un terzo dei beni all’incanto non venduti a New York e un calo dei prezzi diffuso.