Crisi del Viagra: vendite in calo

Le vendite di Viagra, la pillola blu contro l’impotenza della Pfizer, non sono più ai livelli di qualche tempo fa e i due prodotti concorrenti, Cialis e Levitra, hanno analoghi problemi. Lo rileva il New York Times, secondo cui una tendenza dello stesso tipo si osserva anche per altri medicinali, come gli antidepressivi. I medicinali che curano le disfuzioni erettili hanno venduto, l’anno scorso, per 2,5 miliardi di dollari, ma le vendite sono diminuite del 10 per cento circa tra ottobre 2004 e 2005. Secondo il Nyt, le ragioni del calo delle vendite del Viagra e dei prodotti analoghi sono essenzialmente due. Primo, gli uomini di mezza età che soffrono di impotenza, anche parziale, prendono il medicinale meno sovente di prima, accontentandosi di una vita sessuale in sintonia con la loro età. Non tentano più, cioè, di giocare al ventenne insaziabile, come era successo non di rado quando il farmaco era apparso sul mercato. Secondo, le vendite sono calate in seno ai più giovani, che avevano tentato la carta del Viagra convinti di potere aumentare le proprie prestazioni. In realtà farmaci di questo tipo non fanno praticamente differenza quando non si soffre di impotenza e i giovani consumatori se ne sono accorti.