Croci e svastiche sui muri delle case

Svastiche, croci celtiche e scritte inneggianti Adolf Hitler hanno fatto la loro comparsa sui muri di Cinisello Balsamo. Un'escalation di simboli nazisti che in città si è iniziata a registrare a partire dal 20 aprile, giorno della nascita del Fuhrer. Sulle facciate dei palazzi e sui muri di cinta al momento sono state segnalate da residenti e autorità quasi una trentina di simboli, ma il loro numero è destinato a incrementarsi di giorno in giorno tanto che il problema è stato portato all'attenzione del parlamentino cittadino. Nonostante l'azione degli operatori comunali e dei residenti muniti di spazzole e secchi colmi di acqua e sapone, le croci diventano però sempre più numerose.
Non sono infatti ancora stati assicurati alla giustizia i responsabili. Le forze dell'ordine non sanno se i simboli siano opera di un gruppo di ragazzini alla ricerca di trasgressione o se, in città, persone vicine all'estrema destra stiano cercando maggior visibilità. Gli agenti del locale commissariato di polizia e i carabinieri della stazione di via Pecchenini, sollecitati dall'amministrazione e dagli stessi cittadini, hanno incrementato i controlli soprattutto durante la notte prestando particolare attenzione alle sezioni locali dei partiti. Croci e svastiche sono apparse anche a pochi metri dall'ingresso del commissariato, vicino ai citofoni di un palazzo in piazza Soncino e in via Cadorna dove la svastica è grande quasi un metro. Le forze dell'ordine invitano tutti a segnalare chi, armato di bomboletta spray, imbratta i muri della città.