In crociera più sicuri se c’è anche il pronto soccorso

In crociera con la sicurezza di avere sempre a portata di mano il pronto soccorso con specialisti a disposizione 24 ore su 24. È possibile grazie alla telemedicina, che oggi sbarca sulle grandi navi da crociera per permettere ai passeggeri di ricevere, a fronte di qualsiasi emergenza, una copertura globale di servizi sanitari; soccorso e cure mentre viaggiano. È l’innovativo progetto nato dalla collaborazione tra Telesal, Costa Crociere, Ospedale Galliera di Genova, Cirm e D’Appolonia, presentato ieri in anteprima alle giornate di Medicina Telematica di Roma, presso il Fatebenefratelli. «La sperimentazione partirà nei primi mesi del 2009, ma a bordo della Costa Concordia, ammiraglia della flotta Costa in grado di accogliere ogni settimana circa 3.800 ospiti, è già stato installato il sistema satellitare a larga banda», spiega Cesare Aragno, capo progetto di Telesal, il maggiore progetto pilota nazionale di telemedicina. L’assistenza fornita a bordo garantirà «prestazioni diagnostiche e consulenziali a distanza nei settori del Pronto Soccorso, della Cardiologia, della Dermatologia, Oculistica, Radiodiagnostica e perfino Tossicologia». Grazie alla collaborazione dell’Ospedale Galliera di Genova (sotto il coordinamento della Medicina e chirurgia d’accettazione e d’urgenza diretta dal dottor Paolo Cremonesi), avverrà uno scambio di dati medici condivisi in tempo reale tramite videoconferenza tra il personale medico di bordo e gli specialisti sulla terraferma.