Crocifisso ai Comuni liguri: scoppia la lite nel Pdl

Scoppia il «caso crocifisso» e a litigare questa volta sono due esponenti del Pdl. Roberto Bagnasco, ex sindaco di Rapallo, che ha dato l’avvio a una campagna elettorale per le regionali con il botto, coinvolgendo la gente nel progetto «io ci metto la firma» e Franco Rocca, consigliere regionale in carica della stessa parte politica che non ha gradito molto, a quanto egli stesso dice, l’ultima proposta di Bagnasco.
«Sono venuto a conoscenza dell’iniziativa dell’ex sindaco di Rapallo Roberto Bagnasco che vuole consegnare i crocifissi ai Comun, partendo da quello di Zoagli, gesto che mi lascia un po’ perplesso per l’alto valore del simbolo religioso» dice Rocca. Che continua. «Il significato della croce cristiana rappresenta la morte e la resurrezione di Dio che si è fatto uomo e non una vittoria politica elettorale- dice Rocca - Consiglio a Bagnasco di recarsi nei Comuni in cui tale simbolo non esiste: nel Comune di Zoagli abbiamo già il crocifisso su ogni piano e in sala consiliare. Piuttosto ritengo giusto risolvere il caso dei crocifissi a livello istituzionale, in modo tale che l’organo di competenza europea riveda la propria sentenza. Appoggio pienamente e sostengo l’iniziativa dell’onorevole Michele Scandroglio».
Rocca, infine, dà appuntamenti ai cittadini per domenica prossima presso il gazebo che organizzerà in piazza XXVII dicembre a Zoagli a partire dalle 10 del mattino. «Per sensibilizzare - dice Rocca - i cittadini e i turisti sul problema e raccogliere firme».