«Il crocifisso resta nelle scuole»

Secondo il Consiglio di Stato, il crocifisso deve restare nelle aule scolastiche non perché sia «oggetto di culto», ma perché «è un simbolo idoneo ad esprimere l'elevato fondamento dei valori civili» (tolleranza, rispetto reciproco, valorizzazione della persona, affermazione dei suoi diritti) che hanno un'origine religiosa, ma «che sono poi i valori che delineano la laicità...». Questa la sentenza che ha respinto il ricorso di una cittadina finlandese che chiedeva la rimozione del crocifisso dalla scuola media frequentata dai suoi figli.