Crolla la fiducia nel governo Prodi, la Cdl vola al 57,3%. Berlusconi al 58,5

Un sondaggio di <em>Euromedia research</em> rivela che il gradimento degli italiani nell'esecutivo Prodi, in continua picchiata, è sceso ai minimi termini, fermandosi al 27,5%. Cresce, invece Forza Italia (32,6%). Bonaiuti: &quot;Percentuali da vecchia Dc&quot;

Roma - Paolo Bonaiuti, portavoce di Silvio Berlusconi ed ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio, fornisce ai giornalisti l'esito di un nuovo sondaggio della "Euromedia resaerch" di lunedì 8 gennaio. "La fiducia in Silvio Berlusconi è ora al 58,5% mentre quella in Romano Prodi al 30,5, al 27,5 è la fiducia nel governo". Interessanti anche i dati che riguardano i singoli partiti: "Forza Italia - spiega Bonaiuti - è al 32,6%, An è al 12, la Lega al 5,3. Tutta la Cdl rappresenta il 53,2 e con l'Udc siamo al 57,3. Sono percentuali da vecchia Dc", osserva il portavoce di Berlusconi.
Secondo il sondaggio "i partiti dell'Ulivo sono in forte calo. Raggiungono il 35,5 rispetto al 37,8 di metà dicembre". A reggere sono soltanto l'Italia dei valori e Rifondazione comunista. "Noi - aggiunge Bonaiuti - siamo fiduciosi anche per il futuro".
"Si registra un pesantissimo calo di fiducia nel governo", nota l'azzurra Stefania Prestigiacomo. "C'è un forte malumore anche nei giovani, chiederemo a Prodi un patto generazionale», dichiara Beatrice Lorenzin. "È una situazione grave e preoccupante", è il parere di Elisabetta Gardini. Intanto Mara Carfagna, deputata di Forza Italia, preannuncia che a Caserta, sede del vertice della maggioranza, ci sarà lo striscione di arrivo per il governo Prodi. "Il governo ha toccato il fondo", ironizza Micaela Biancofiore.