Cromo nelle scarpe di cuoio di Chinatown: sono cancerogene

Nel migliore dei casi sono sintetiche. Ma nel peggiore sono cancerogene. Ecco cosa si nasconde dietro l’etichetta «vera pelle» delle scarpe fabbricate dai cinesi. Contengono una percentuale di «cromo esavalente» superiore fino a dieci volte il limite di legge di «3 mg/kg», cioé 3 milligrammi per chilo. Superata questa soglia si corrono gravi rischi che vanno dalle dermatiti fino ai tumori alla pelle. E per questo vanno immediatamente confiscate. Una frode che colpisce in particolare gli strati più deboli che, non potendo permettersi articoli di qualità, deve ricorre a merce «low cost». Come si legge in «Lineapelle», mensile dell’Unione nazionale industria conciaria, i negozi cinesi di abbigliamento vendono scarpe e guanti tossici, perché pieni di «cromo esavalente».
Si tratta di un metallo i cui stati di ossidazione vanno dal 2 al 6 ed è proprio quest’ultimo, l’esavalente indicato anche con il simbolo «Cr+6», a essere il più «stabile» e il più nocivo per la salute, in quanto cancerogeno.