Quelle otto ragazze d'oro che sfidano il Sahara

A bordo dei 4x4 di Mitsubishi le giovani selezionate raggiungeranno il paradiso di Capo Verde dopo aver attraversato il Marocco e il deserto

Sono trascorsi 25 anni dai primi avventurosi bivacchi nel deserto del Sahara. Per la festa di compleanno, «Donnavventura» ha scelto Milano per la nuova impresa che ha preso il via domenica scorsa nel cuore della nuova City. Destinazione, questa volta, le isole di Capo Verde dopo aver attraversato tutto il Sahara occidentale e la Mauritania.

Ana, Aliuska, Camilla, Francesca, Lorena, Michela, Stefania e Aldona le magnifiche otto che si alterneranno al volante dei potenti veicoli Mitsubishi: cross-over Asx, pick-up L200 e il nuovissimo Outlander Phev (Plug in-Hybrid-electric-veicle). Donne al volante... Sorvoliamo sugli aneddoti da bar. Queste otto donne sono davvero speciali: belle e brillanti davanti alle telecamere, hanno superato test rigorosi nel corso dell'addestramento a La Thuile (sede della selezione).

Si diceva dei veicoli messi a disposizione da Mitsubishi Motors. Si tratta di una collaborazione che dura da 11 anni, a testimonianza della grande affidabilità dei mezzi.

«Siamo ancora a fianco di Donnavventura - dice Stefania Cipriani, Pr manager - perché questo format è davvero fantastico. Ci piace. Le nostre vetture hanno dimostrato di essere perfette in situazioni estreme, esaltando le prestazioni anche negli avventurosi e complicati viaggi attraverso Thailandia e Cambogia. Decisamente per queste ragazze non sarà una vacanza, ma possono contare sulla sicurezza e l'affidabilità dei nostri mezzi. E non è poco».

Il team di «Donnavventura» riprende terra questa mattina dopo un'escursione in catamarano da Saint Tropez all'arcipelago delle Porquerolles. Si riparte quindi dalla Camargue per raggiungere la costa spagnola. Blitz a Ibiza e Formentera e poi a Lisbona, Colonne d'Ercole e Gibilterra. Da dove mezzi ed equipaggi saranno traghettati in terra d'Africa per il percorso più lungo e impegnativo della complessa spedizione.

Le «otto sorelle», infatti, attraverseranno tutto il Marocco lungo la catena dell'Atlante. Quindi raggiungeranno il deserto del Sahara occidentale verso la Mauritania per salpare, infine, verso le isole di Capo Verde. Ma senza fretta... Ci saranno i bivacchi nel deserto, le soste nelle oasi, gli incontri con le popolazioni indigene, dai beduini agli Gnawa.

Venticinque anni di avventure, si diceva. Da allora hanno viaggiato più di 200 ragazze attraverso tutti i continenti. Oltre 300mila i chilometri effettivi percorsi attraverso paesaggi spettacolari da Nord a Sud del mondo, dalle terre più estreme ai paradisi, dai Caraibi ai ghiacci dell'Alaska, dalla Lapponia alle grandi metropoli americane. Viaggi diversi e donne diverse che sfidano se stesse, ma sempre con un grande spirito di gruppo e voglia di portare a termine l'impresa. Le protagoniste racconteranno emozioni ed esperienze con video e foto, ma anche in voce attraverso radio Rtl 102.5 ogni giovedì sera.

Commenti

gneo58

Ven, 05/09/2014 - 09:15

qualcuno mi sa dire in quanti seguono questo tipo di trasmissioni idiote ?

Ritratto di alasnairgi

alasnairgi

Ven, 05/09/2014 - 09:42

Attraversare il sahara? E' il posto molto opportuno per andare a cacciarsi nei guai e nelle mani degli islamici di turno!!

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 05/09/2014 - 09:44

ricordatevi per un eventuale rapimento pagherete voi dei bei milioncini di euro, ma forse li vorranno in usd o in Euro? vedremo presto...

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 05/09/2014 - 09:58

non dite che non vi ho avvisato,questo giornale si può leggere in qualunque paese musulmano non dico arabo dico musulmano il che non è la stessa cosa.

edo1969

Ven, 05/09/2014 - 10:22

E perchè non Siria e Iraq?

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 05/09/2014 - 10:34

sono proprio convinto che in caso di un rapimento le pagherete molto bene in oro...ricordatevi che in Giornale viene letto anche nei paesi musulmani per chi non lo sapesse.

buri

Ven, 05/09/2014 - 11:21

sfidano il Sahara! belle parole! ma gli organizzatori hanno mai pensato ad eventuali rapimenti ad opera di qualche gruppo di estremisti islamici? e poi se dovesse succedere un guai si verserà un fiume di lacrime di coccodrillo e quelle poverette pagheranno per l'imprevidenza di chi dirige quel programma televisivo

emailbm

Ven, 05/09/2014 - 11:30

commenti idioti, i reportage che fanno sono sempre stati ottimi e molto istruttivi, guardateli e cambierete idea e vi farete anche un pò di cultura

emailbm

Ven, 05/09/2014 - 12:16

commenti idioti, guardate i reportages e capirete quanto istruttivi siano i loro viaggi

emailbm

Ven, 05/09/2014 - 12:20

commenti idioti, guardate i reportages e capirete quanto istruttivi siano i loro viaggi

Ritratto di alasnairgi

alasnairgi

Ven, 05/09/2014 - 16:43

>emailbm< Mi è capitato alcune volte di vedere spezzoni di questi reportage. Non male dal punto di vista televisivo. Ciò non toglie che il rischio nel posto indicato sia effettivamente alto. Ne sa qualcosa Alberto Angela che qualche anno fa fu sequestrato con tutta la sua troupe proprio lì da predoni islamici.

rokko

Ven, 05/09/2014 - 17:46

gneo58, mi scusi, e perché sarebbero "idiote" ? E' forse più intelligente un talk show politico ? O altre amenità simili ?

rokko

Ven, 05/09/2014 - 17:48

edo1969: perché proprio Siria ed Iraq e non il Sahara ? Mi sembra mia moglie, quando mi dice: "ma questa cosa la devi fare proprio oggi ?" Di solito rispondo: "ma la devo fare proprio un altro giorno ?" e lei ride ..

rokko

Ven, 05/09/2014 - 17:50

buri, facciamo che ci chiudiamo tutti in casa, magari chiudiamo la porta blindata a chiave e buttiamo la chiave nello scarico, così non siamo più soggetti ai rapimenti islamici.