6 anni e il muro è sempre lì

L'abuso edilizio del vicino è palese. Ma non si è risolto nulla

Le storie di malagiustizia raccontate dalle vittime al sito web del "Giornale". Scrivici anche la tua: malagiustizia@ilgiornale-web.it. La porteremo al ministro della Giustizia, Anna Maria Cancellieri

«Il 4.7.2007 mia madre avviò una causa contro il proprietario della casa confinante, in quanto questi, in sfregio alle norme edilizie, si elevava di un piano. L'abuso era (ed è) evidentissimo, manca la distanza, una causa che doveva essere conclusa in un'udienza, massimo due, demolizione dell'abuso o compensazione e invece, tra ricorsi al Tar, commissioni di studio, rinvii, udienze senza capo ne coda sono passati 5 anni e mezzo e ancora non si vede fine; gli avvocati godono le loro parcelle, la parte offesa ha tempo di aspettare».