74 gemelli su 1.600 abitanti, il record "genetico" di Barbania

Barbania è un piccolo comune del Torinese di circa 1.600 abitanti. Sarebbe un paese come un altro se non per una statistica molto particolare: ci sono ben 74 gemelli, una media superiore di quattro volte rispetto al resto della penisola

74 gemelli su 1.600 abitanti, una media del 46,5 per 1000, quattro volte in più rispetto al resto dell'Italia. E il merito, probabilmente, è del dna. Barbania, piccolo comune del Torinese, è balzato agli onori delle cronache per un primato insolito. Come ha raccontato Repubblica, su 1.600 cittadini ci sono ben 74 gemelli. Numeri da record, che il sindaco Giovanni Drovetti attribuisce alla genetica.

Barbania si può definire il paese dei gemelli. Un abitante su 21 è un gemello. Una statistica che resta difficile da spiegare, nonostante i tentativi che sono stati fatti per dimostrare l'esistenza di una connessione tra questa peculiarità e il territorio. Il sindaco del paese, Giovanni Drovetti, ha dichiarato: "Il dato della presenza di gemelli nel territorio del nostro comune è senz’altro eccezionale. Non so se sia un record, ma la situazione va analizzata: probabilmente è merito del dna", anche se non esiste una spiegazione scientifica.

Intanto, c'è chi nel paese prova a trasformare questi numeri in un pretesto per creare una tradizione. Il presidente del gruppo culturale locale, Micaela Allodi, ha organizzato degli incontri periodici per un confronto tra i gemelli di ogni età. Secondo il sindaco, "si tratta di una tradizione che non è ancora terminata. Ed è sempre stato così. Io mi ricordo che quando ero piccolo avevo diversi gemelli in classe. Io no, la mia famiglia ha saltato la tradizione, ma si dice che in tutte le famiglie con gemelli di solito si salti una generazione tra una coppia e l'altra". Nel frattempo i gemelli del paese si sono dati appuntamento in piazza. Vent'anni fa, invece, era stata organizzata una mostra a tema. A testimonianza di come a Barbania i gemelli ci siano sempre stati. E di nuovi ne nasceranno.