8 marzo, l'ultradestra insorge: 'Le donne uccise da partigiani?'

L'ultradestra insorge: "Nessuno parla delle donne uccise dai partigiani"

Oggi, 8 marzo, festa delle donne, che secondo Progetto Nazionale, destra radicale, rappresenta una ricorrenza a metà.

L'associazione Progetto Nazionale infatti, rivendica i volantini affissi innanzi alle sedi CGIL di Modena, Reggio Emilia, Castellarano, Castiglione delle Stiviere, Mantova, Suzzara e Crema nella notte tra il 7 e l'8 Marzo. "Questa ricorrenza, ormai quasi completamente egemonizzata dalla Cgil, dal tema della violenza sulle donne al cosiddetto "femminicidio", si dirama in un calendario di eventi in ogni provincia italiana che si districa tra cittadinanza, lotta al razzismo e condizione delle donne nel medio oriente, ma purtroppo non contempla in nessun caso il periodo storico dove veri e propri orrori ai danni del sesso debole erano all'ordine del giorno, strettamente legati all'odio ideologico. Nessuno parla dei "Femminicidi Partigiani" (spesso preceduti da stupri e torture) su donne ritenute colpevoli di aver sposato una parte politica differente, di essere figlie di imprenditori, di aver intrapreso una carriera militare, di aver lavorato per l'apparato statale, a volte per semplice crudeltà a danni di civili o solamente perché fiere di essere italiane" afferma Manuel Negri presidente di Progetto Nazionale.

Negri poi passa a stilare una triste lista di morti che ad oggi vengono ignorati: "La lista di sangue sparso innocente è lunghissima: Giuseppina Ghersi, Jolanda Crivelli, Norma Cossetto, le 70 donne uccise nel reggiano, Clorinda Boffelli a Crema e le ausiliarie rasate a zero fatte sfilare in piazza Duomo; solo per citarne alcune .Sicuramente da non tralasciare vi sono le nefandezze delle truppe liberatori come le 2000 donne stuprate dai goumier francesi nel Frosinate e molte altre ancora".

Si chiede quindi che questi morti "scomodi" vengano integrati con tutte le donne che hanno lottato per i propri diritti, festeggiate e in particolare ricordate in egual modo.

Immancabile poi un riferimento al recente omicidio di Macerata: "È, infatti, possibile retrocedere a "morte di serie B" anche ai giorni nostri, basti pensare all'episodio della ragazza accoltellata e fatta a pezzi da 3 nigeriani a Macerata; oltre al danno e lo sfregio della mancata visita del ministro Minniti vi sarà anche la beffa di non essere ricordata a dovere in questa ricorrenza".

Commenti
Ritratto di Clastidium

Clastidium

Gio, 08/03/2018 - 18:49

e si certo e come non dimenticari gli stupri fatti dai lanzichenecchi quando calarono in italia nel 500? ..... e quelli fatti dai barbari? ..... saranno stati comunisti anche loro?

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 08/03/2018 - 18:56

Illusi. La risposta è già bell'e che pronta: "Ma quelle non erano donne! Erano fasciste e basta!".

Silvio B Parodi

Gio, 08/03/2018 - 19:35

i sinistri???? che vigliacchi!!!!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 08/03/2018 - 19:55

Nessuno parla delle donne uccise dai clandestini.

manfredog

Gio, 08/03/2018 - 20:00

..ma che c'entra..!?..le donne che non sono di sinistra, non sono mica donne, sono fasciste e la Pamela di Macerata era solo una drogata, e forse non era nemmeno di sinistra; e poi non l'hanno mica stuprata, ammazzata e fatta a pezzi degli italiani, ma dei poveri migranti..signori, suvvia, ma di che cosa stiamo parlando, questa è cultura moderna, cultura liquida..eh..che più liquida non si può, e che sgorga da tutte le anime sinistre per finire, tra un sciacquo ed uno scialacquo e l'altro..dentro un grosso buco nero..!! mg.

wrights

Gio, 08/03/2018 - 20:07

"le 2000 donne stuprate dai goumier francesi nel Frosinate e molte altre ancora". Io sapevo che era accaduto nel maggio del 1944 nel "Frusinate" e che le vittime erano oltre 20.000.

killkoms

Gio, 08/03/2018 - 22:50

donne di serie B!

ESILIATO

Ven, 09/03/2018 - 04:18

Il problema nella zona di Frosinone era cosi grave che gli americani istituito un visto speciale per emigrare negli USA per le vittime delle marocchinate.

il sorpasso

Ven, 09/03/2018 - 08:12

Verissimo e nessuno ne parla mai.

pisopepe

Ven, 09/03/2018 - 08:40

FINALMENTE QUALCUNO CHE HA IL CORAGGIO DI DIRLO!! ORA SI DOVREBBE PARLARE ANCHE DEI 5000 ITALIANI UCCISI DAI PARTIGIANI COMUNISTI IN EMILIA E ROMAGNA!!!!

gneo58

Ven, 09/03/2018 - 08:48

per Clastidium - sarei d'accordo se anche voi non saltaste fuori ogni momento con l' ANPI e associazioni a delinquere varie - anche i partigiani fanno parte di un passato ormai lontano e non ce ne sono praticamente piu' ma li tirate fuori ogni momento (per non parlare del resto) e quindi o sei coerente e mi dai ragione oppure ti dimostri come tutti i tuoi amici (finto democratico).

routier

Ven, 09/03/2018 - 09:23

Per qualche minus le vere donne sono solo quelle di sinistra. Le altre sono solo umani di serie B.