"Abusivo l'ufficio dei migranti": le ferrovie denunciano Alberto di Monaco

Rete Ferroviaria italiana contro il sovrano di Monaco per un infopoint installato alla stazione di Ventimiglia dalla Croce Rossa Monegasca: "È occupazione abusiva"

Le ferrovie contro il principe Alberto II di Monaco, impegnato ad aiutare i migranti diretti in Francia da Ventimiglia. Tutto per un piccolo ufficio di 2 metri per 2,5 destinato a fornire informazioni per i profughi in transito dalla Riviera di Ponente alla Costa Azzurra.

La storia, per la verità piuttosto curiosa, arriva proprio dall'ultimo Comune italiano prima della frontiera francese, assurto ormai da tre anni agli onori delle cronache dopo essere diventato un importantissimo centro di attesa per i migranti che tentano di attraversare clandestinamente il confine per entrare nell'Esagono.

L'ultima polemica è legata appunto ad un infopoint installato su una delle banchine esterne della stazione ferroviaria per volere del sindaco Enrico Ioculano. Una piccola struttura innalzata martedì scorso per segnalare la presenza di un centro di accoglienza in un'area periferica della città. L'obiettivo, nelle intenzioni del primo cittadino, era evitare che gli stranieri si accalcassero in stazione e defluissero ordinatamente verso le strutture a loro dedicate.

Tutto piuttosto logico, se non fosse che Rete Ferroviaria Italiana ha presentato denuncia alla polizia per occupazione abusiva. Ma la notifica di apertura delle indagini non è stata consegnata al municipio, bensì al legale rappresentante dell'organizzazione che ha installato l'infopoint. Che per coincidenza sono il principe Alberto e la Croce Rossa monegasca, a cui il principe ha devoluto dei fondi proprio per aiutare i migranti di Ventimiglia. Ora il caso è finito anche sul tavolo del prefetto di Imperia Silvana Tizzano, che ha convocato i rappresentanti di Rfi.

Commenti
Ritratto di veronika

veronika

Gio, 20/07/2017 - 11:03

per la serie 'aiutiamoli a casa loro'... soggetto: er principe de monaco, casa loro: xxmiglia, itaglia...

Una-mattina-mi-...

Gio, 20/07/2017 - 11:21

CHE LI ACCOLGA IN CASA SUA: E' INCREDIBILE NOTARE COME L'INGERENZA STRANIERA IN ITALIA SI AGGIUNGA ALL'INVASIONE IN ATTO

Thor1958

Gio, 20/07/2017 - 11:43

Chissà quanti ne ospita nel Principato!

onefirsttwo

Gio, 20/07/2017 - 11:52

la logica finisce laddove cominciano le Ferrovie dello Stato Italiane : mi sembra fu Antonio Gramsci a scrivere questo agli inizi del secolo scorso : e' chiaro che a quasi un secolo di distanza , nulla e' cambiato . Yeahh .

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Gio, 20/07/2017 - 11:54

Assaliamo il Principato con i valorosi Forestali Siciliani. Ci andranno quei dieci che non sono malati ?

Ritratto di bandog

bandog

Gio, 20/07/2017 - 12:07

veronika,mi hai preceduto...condivido al 100% :-)

Blueray

Gio, 20/07/2017 - 12:48

Il prefetto ha convocato Rfi: cosa li convochi a fare? Sono parte lesa, sveglia! Bisogna convocare chi appalta (il Comune) e chi esegue (l'appaltatore).

onefirsttwo

Gio, 20/07/2017 - 13:06

Ferrovie dello Stato spieghi , con parole Italiane semplici ,sempre che sappiano leggere e scrivere in lingua Italiana comprensibile , perche' l'Infopoint non puo' stare dove e' stato messo . Yeahh .

dakia

Gio, 20/07/2017 - 14:56

No che li mandi al paesello della primer dame, c'è tanto spazio laggiù e bisogno di braccia che lavorino, qui piatosi ne abbiamo in sovrabbondanza,