Accusata di omicidio colposo: si drogava durante la gravidanza

Una ragazza dell'est è stata accusata di omicidio colposo per la morte del figlio, causata dalle droghe assunte durante la gravidanza

È nato con gravi problemi cerebrali, che lo hanno portato alla morte in soli due giorni. La Procura di Treviso ha aperto un fascicolo contro la madre del piccolo per aver determinato danni fisici al bambino.

La madre ha portorito il bebè, poi è fuggita dall'ospedale senza riconoscerlo. Durante l'intero periodo della gravidanza la donna avrebbe assunto massicce dosi di sostanze stupefacenti. Un comportamentop che avrebbe provocato la morte del piccolo Francesco. La ragazza di circa 25 anni e proveniente dall'est Europa è stata così accusata dagli inquirenti di omicidio colposo. Infatti sarebbe consapevole dei rischi a cui andava incontro abusando di droghe.

L’abuso di droga, secondo la perizia medico-legale, sarebbe stato la causa dei danni cerebrali del piccolo e di conseguenza della sua morte.

Commenti

IlCandido

Sab, 19/12/2015 - 14:26

La prossima volta condanneremo chi, d'inverno , non indossa la maglia di lana e poi prende l'influenza........e costa alla sanità' pubblica ?

IlCandido

Sab, 19/12/2015 - 14:27

Ma se avesse abortito nessun giudice avrebbe avuto nulla da dire.

Ritratto di cruciax

cruciax

Sab, 19/12/2015 - 16:49

IlCandido - Se l'aborto fosse proceduto nei termini di legge in effetti nessun giudice avrebbe potuto dire nulla (giustamente). Cosa c'è di strano in questo?

Ritratto di semovente

semovente

Sab, 19/12/2015 - 17:30

Omicidio colposo? No, volontario!