"Agenti dei servizi sulla Honda che bloccò il traffico di via Fani per sostenere l'azione delle Br"

Le rivelazioni di un ex ispettore sul caso Moro: "C'erano riscontri oggettivi, ma l'indagine fu fermata"

Tutto è partito da una lettera anonima scritta dall’uomo che era sul sellino posteriore dell’Honda in via Fani quando fu rapito Aldo Moro. Diede riscontri per arrivare all’altro. "Dovevano proteggere le Br da ogni disturbo. Dipendevano dal colonnello del Sismi che era lì". Enrico Rossi, ispettore di polizia in pensione, racconta all’Ansa l'inchiesta nata proprio da quella lettera anonima inviata nell’ottobre del 2009 a un quotidiano.

"Quando riceverete questa lettera, saranno trascorsi almeno sei mesi dalla mia morte come da mie disposizioni - si legge nella lettera - ho passato la vita nel rimorso di quanto ho fatto e di quanto non ho fatto e cioè raccontare la verità su certi fatti. Ora è tardi, il cancro mi sta divorando e non voglio che mio figlio sappia. La mattina del 16 marzo ero su di una moto e operavo alle dipendenze del colonnello Guglielmi, con me alla guida della moto un altro uomo proveniente come me da Torino; il nostro compito era quello di proteggere le Br nella loro azione da disturbi di qualsiasi genere. Io non credo che voi giornalisti non sappiate come veramente andarono le cose ma nel caso fosse così, provate a parlare con chi guidava la moto, è possibile che voglia farlo, da allora non ci siamo più parlati, anche se ho avuto modo di incontralo ultimamente...". L’anonimo fornì anche concreti elementi per rintracciare il guidatore della Honda: "Tanto io posso dire, sta a voi decidere se saperne di più". Il quotidiano all’epoca passò alla questura la lettera per i dovuti riscontri.

A Rossi, che ha sempre lavorato nell’antiterrorismo, la lettera arriva sul tavolo nel febbraio del 2011, in modo casuale. "Non è protocollata e non sono stati fatti accertamenti - racconta all'Ansa - ma ci vuole poco a identificare il presunto guidatore della Honda di via Fani". Sarebbe lui l’uomo che secondo l’ingegner Marini, uno dei testimoni più accreditati di via Fani, assomigliava nella fisionomia del volto a Eduardo De Filippo. L’altro, il presunto autore della lettera, era dietro, con un sottocasco scuro sul volto, armato con una piccola mitraglietta. Sparò ad altezza d’uomo verso l’ingegner Marini che stava "entrando" in motorino sulla scena dell’azione. "Chiedo di andare avanti negli accertamenti - aggiunge Rossi - chiedo gli elenchi di Gladio, ufficiali e non, ma la 'pratica' rimane ferma per diversi tempo". Alla fine opta per un semplice accertamento amministrativo: "L'uomo ha due pistole regolarmente dichiarate. Vado nella casa in cui vive con la moglie ma si è separato. Non vive più lì. Trovo una delle due pistole, una beretta, e alla fine, in cantina poggiata o vicino ad una copia cellofanata della edizione straordinaria di Repubblica del 16 marzo con il titolo Moro rapito dalle Brigate Rosse, l’altra arma". È una Drulov cecoslovacca, una pistola da specialisti a canna molto lunga che può anche essere scambiata a vista da chi non se ne intende per una piccola mitragliatrice. Rossi insiste: vuole interrogare l’uomo che ora vive in Toscana con un’altra donna ma non può farlo. "Chiedo di far periziare le due pistole ma ciò non accade". Ci sono tensioni e alla fine l’ispettore, a 56 anni, lascia. Va in pensione, convinto che si sia persa "una grande occasione" perché "c’era un collegamento oggettivo che doveva essere scandagliato". Poche settimane dopo una "voce amica" gli fa sapere che l’uomo della moto è morto e che le pistole sono state distrutte.

Commenti
Ritratto di Nanuq

Nanuq

Dom, 23/03/2014 - 14:31

Storie di crimini comunisti, appunto, un comunista è sempre un delinquente. Niente può riabilitare un comunista.

Rembrandt

Dom, 23/03/2014 - 15:06

W L'ITALIA DEGLI ITALIOTI.

fabiou

Dom, 23/03/2014 - 15:10

ormai lo sanno tutti che le BR erano diventate piene di infiltrati dei servizi segreti, metà erano comuniste e metà infiltrati, come mario moretti . kissinger stesso aveva minacciato pesantemente Moro per la sua apertura al comunismo. le BR fecero il lavoro sporco aiutate dai servizi segreti

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Dom, 23/03/2014 - 15:38

Erano quelli anni in cui si andava all'ist.tecn. agrario di via dell'ardeatina con le pistole e con le sbranghe; alla succursale di va prenestina,più tranquilla,volavano banchi e sediate e le interrogazioni spesso venivano fatte con il prof in classe e lo studente in cortile,ambedue con il megafono.La morte di aldo Moro è servita a far entrare i comunisti al governo, a rendere l'Italia laboratorio e terra di manovre Usa-Urss,un paravento di democrazia che ancora stiamo pagando in termini umani esoprattutto economici.Da lì partì il boom del debito pubblico, da lì inizioò la spartizione dell'Italia. Berlusconi ha intralciato il completamento e per questo ancora dovrà pagare.

tangocav

Dom, 23/03/2014 - 15:53

Per tutti coloro che hanno cercato di capire la storia d'Italia degli anni 70, questa notizia non fa che "scoprire l'acqua calda".Vivevamo in piena guerra fredda e non si doveva permettere che il Pci arrivasse democraticamente al potere. La parte politica che più fu danneggiata dalle br fu proprio la sinistra democratica, che diventava sempre più forte dentro le urne ed ormai insidiava il potere politico-affaristico-mafioso Democristiano e dei partiti laici, da vicino. Ma ormai è acqua passata, storie del secolo scorso. Anche se si potesse arrivare alla soluzione dei misteri d'Italia, delle bombe, delle stragi impunite, del caso Moro, piazza Fontana ecc ecc il 95% degli Italiani non capirebbe, ne gli interesserebbe più di tanto. Rimarrebbe solo l'amarezza di alcuni ultracinquantenni, che avrebbero la prova provata di aver vissuto in una simil-democrazia e che i loro ideali politici, l'impegno con cui portavano avanti le loro idee, sarebbero stati, in qualsiasi caso, vani e non si sarebbero mai potuti realizzare.

killkoms

Dom, 23/03/2014 - 15:55

le bierre ebbero i mezzi per fare il lavoro sporco,ma sempre "compagni che sbagliano" erano!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 23/03/2014 - 15:55

e poi guarda caso.... un comunista che cancella le loro prove effettuate da altri comunisti. meglio cosi, allora vuol dire che la destra e gli americani erano puliti :-) che mafiosi sono questi comunisti!!

scipione

Dom, 23/03/2014 - 16:12

bingo bongo,se finalmente i sinistronzi rosi dall'odio ideologico capissero perche' Berlusconi e' un perseguitato politico,forse l'Italia si libererebbe dal ciarpame comunista residuo.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Dom, 23/03/2014 - 16:24

le BR globalizzate adesso si chiamano ISLAM e sono al soldo del Nuovo Ordine Mondiale grazie ad esso hanno levato oltre il 65% delle libertà ai popoli occidentali ad essi sottomessi facendo restare nell'ignoranza tutti gli altri.

Ritratto di marforio

marforio

Dom, 23/03/2014 - 16:24

UN delitto cattocomunista.I compagni erano attivi a cancellare o aiutare le brigate rosse , come ora sono a loro volta aiutati dalla magistratura a senso único.Imfami allora piu infami adesso.

vince50

Dom, 23/03/2014 - 16:33

E' stato volutamente fatto ammazzare,lasciatelo in pace almeno da morto.

Giorgio5819

Dom, 23/03/2014 - 16:39

Niente di nuovo, comunisti e catto-comunisti compagni di merende.Come sempre.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 23/03/2014 - 16:58

Moro fu assassinato dalla CIA. Lo sanno anche i muri.

Il giusto

Dom, 23/03/2014 - 17:01

Anche oggi i commenti dei silvioti sono pura satira:fingono di credere che il vecchio delinquente sia vittima di un comunismo di cui lo stesso pregiudicato faceva parte,quando invece è solo un volgarissimo ladro putt...ere!The end

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Dom, 23/03/2014 - 17:17

scipione,leggendo i commenti diametralmente opposti,puoi meglio comprendere il perchè da bravi ciuchi, dpo tante legnate, ci basta una carota per sentirci felici.

Il giusto

Dom, 23/03/2014 - 17:23

Anche oggi i commenti dei silvioti sono pura satira:fingono di credere che il vecchio delinquente sia vittima di un comunismo di cui lo stesso pregiudicato faceva parte,quando invece è solo un volgarissimo ladro putt...ere!The end

gianni59

Dom, 23/03/2014 - 17:29

non capisco alcuni commenti...Moro era inviso all'interno del suo partito proprio per l'apertura al PCI, così lo era all'America e alla Chiesa. Che poi le BR avessero collegamenti con i servizi segreti (di Stato) c'è più di una prova...altro che braccio armato della sinistra....

Il giusto

Dom, 23/03/2014 - 17:38

Anche oggi i commenti dei silvioti sono pura satira:fingono di credere che il vecchio delinquente sia vittima di un comunismo di cui lo stesso pregiudicato faceva parte,quando invece è solo un volgarissimo ladro putt...ere!The end

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Dom, 23/03/2014 - 17:46

Moro buonanima, ebbe un solo torto: il compromesso.Parola indigesta per l'epoca. Le conclusioni, traetele da soli. Dalton Russell.P.S.: la grande balena bianca......... soffriva di reflusso gastrico e così...finì un a..Mor....

killkoms

Dom, 23/03/2014 - 18:01

il giusto,ovvero il raglio d'asino che non arriva in cielo!

Holmert

Dom, 23/03/2014 - 18:06

Nonostante tutto si continua imperterriti a negare la vera identità delle BR e si addita la CIA come la causa di tutte le nefandezze. Solo la revolucion di Castro e Che sono quelle vere, là caso strano la CIA non c'entra. C'entra quando la storia condanna e non esalta il beau geste. Noi abbiamo preso tutti gli artefici di via Fani e del sequestro uccisione di Moro e continuiamo a fare dietrologia. Quelli sono ancora vivi, chiedetelo a loro, invitateli nei talkshow, magari da servizio pubblico di Santoro-Travaglio, ce lo diranno loro come andarono le cose. E se non vogliono parlare chiamate due ex SS o chi ed affidateli a loro e vedrete che racconteranno tutto. Ci sono i testimoni e gli autori e noi andiamo ancora inseguendo i fantasmi. Ora spunta pure la lettera del de cuius e la solita Repubblica che anche allora portava avanti la tesi della CIA. Se la CIA avesse voluto fare fuori Moro, aveva proprio bisogno delle BR?

Klotz1960

Dom, 23/03/2014 - 18:13

Si continua con queste immondezze. L'ex capo delle BR Mario Moretti in un libro - intervista ha chiarito praticamente tutto. Ma anche qui appaiono gli idioti che lo indicano come un infiltrato. Certo, un infiltrato che non si e' mai pentito e che si e' fatto 25 anni di carcere. Ma appunto, basta ignorare sia lui che il suo libro e far finta di niente. Che a Via Fani ci fossero i servizi ad aiutare le BR e' pura follia, se non altro perche' non sarebbero mai riusciti a tenerlo segreto, neanche per un mese.

Klotz1960

Dom, 23/03/2014 - 18:16

Holmert, meno male che anche tu ragioni. Se la Cia avesse voluto far fuori Moro, sarebbe bastato un piccolo incidente. Moretti ha scritto tutto in un libro intervista e si e' fatto 25 anni di carcere, ma secondo i soliti idioti era un infiltrato.

Anonimo (non verificato)

Giacinto49

Dom, 23/03/2014 - 18:36

Dando per scontata (?) la voglia di verità del passeggero della motocicletta, la ricostruzione quì riportata fa acqua, anche lei, da tutte le parti.

Ritratto di mortimermouse

Anonimo (non verificato)

Anonimo (non verificato)

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Dom, 23/03/2014 - 19:12

Il giusto: sei veramente una testa di cazzo sgradevole e idiota. Spero che qualcuno ti quereli alla polizia postale. E non è detto che tutti sono andati con tua madre. Dalton Russell.

gianpietro.camp...

Dom, 23/03/2014 - 19:33

Questa nostra democrazia nasce, come dicono in tanti, dalla resistenza, se così è il presidente Napolitano, il Presidente Grasso, il Presidente Boldrini ( tutti post comunisti ) prendano iniziativa e facciano chiarezza su questi fatti più volte annunciati. Quasi dimenticavo: l'azione obbligatoria della nostra gloriosa Magistratura? questa non è notizia di un crimine? Campani Gian Pietro

Raoul Pontalti

Dom, 23/03/2014 - 19:35

I nostri servizi segreti come i marò sono incapaci di tutto e quindi l'aver sparato mancando il bersaglio dell'ingegnere in motorino è la firma inconfondibile...

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 23/03/2014 - 19:59

guardate bene come sono andate le cose: brigate rosse, stemma e colori tipici della sinistra, Renault 4, rossa, ovviamente, parcheggiata a 2 passi da via botteghe oscure, allora sede del PCI... a parte questo, moro fu rapito perché rappresentò un avvicinamento tra destra e sinistra, e poiché l'unione sovietica temeva che avvicinandosi agli americani (o alla destra, stessa cosa), avrebbero perso la possibilità di colonizzare l'italia con un colpo di stato interno. il rapimento fu durato 55 giorni proprio per ricattare il governo, che allora fu di Andreotti. guarda caso, fu proprio questo governo che rifiutò di trattare con le brigate rosse per lo scambio dei prigionieri (i prigionieri furono un pretesto per coprire il ricatto, il vero motivo della faccenda), e ciò portò alla condanna di moro. questo però portò il PCI ad essere esclusa dal governo perché eseguiva le direttive del PCUS (unione sovietica) e non quello dell'italia. il fatto che c'erano agenti del sismi a coprire le azioni delle BR dimostra che all'interno del sistema c'era un apparato di stato deviato e mimetizzato che faceva comodo all'unione sovietica!! solo i cretini idioti come ILGIUSTO e i suoi compagni credono alle favole .....

Ritratto di enkidu

enkidu

Dom, 23/03/2014 - 20:05

ecco che il mistero si riapre per altri 40 anni...un morto che lascia una lettera anonima, il polizziotto che va in pensione...insomma fiumi di parole per i prossimi anni e per non arrivare da nessuna parte.

Ritratto di scandalo

scandalo

Dom, 23/03/2014 - 20:15

Antelope Cobbler. Lo scandalo Lockheed , tangenti pagate dall'azienda americana a politici democristiani , fu ammessa dalla stessa società . Ora i cacciatori di antilopi sono il leone , come fu accusato a suo tempo , oppure l'africano , scuro di carnagione , ovvero moro !! comunque ambedue meridionali !!

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Dom, 23/03/2014 - 21:05

Lasciamo in pace i morti, ma Prodi con la seduta spiritica con via Gradoli........è ancora vivo o no? Comunque tutto inizia a quadrare e le porcherie ad emergere.

Klotz1960

Dom, 23/03/2014 - 21:56

E' INCREDIBILE.. UNA LETTERA ANONIMA.. FATTI INVERIFICABILI 30 ANNI DOPO.. E GLI IDIOTI GONGOLANO E CI CREDONO, ALLA FACCIA DELLE CONFESSIONI DI BRIGATISTI CON 25 ANNI DI CARCERE...SI', E' STATA LA CIA CON I SERVIZI ITALIANI... DIO CHE PAESE DI IMBECILLI...VOTATE GRILLO, MI RACCOMANDO

francesconeglia

Dom, 23/03/2014 - 22:44

C'è da scrivere moltissimo sù quanto e perché successe st'infamia, ordita, organizzata ed attuata per ordine dell'allora segretario di stato USA, Henry Kissinger, condannato per questo a non ricordo quanti anni, per concorso in omicidio dell'onorevole Aldo Moro. I politici non più giovani di allora sono ormai defunti, a parte Giorgio Napolitano che di quelle 55 giornate fù parte integrante sulle decisioni da prendere in merito al rapimento, solo il Sen. Giulio Andreotti oppose molta resistenza all'"americano" è fù per questo, presumo io, che sù di lui si abbattè l'onta di collusione con la mafia, accusa che servì sostanzialmente a togliergli la parola. Su internet, sempre e solo per chi vuole approfondire, c'e' parecchia documentazione molto attendibile, c'e' pure un film che s'intitola "Piazza delle cinque lune".

michaelsanthers

Dom, 23/03/2014 - 23:20

ho sempre ritenuto che Moro sia stato ammazzato dalla dc- il fu cossiga,sapeva molte cose che non ha detto

Altaj

Dom, 23/03/2014 - 23:30

Uno aspetta 50 anni per parlare, e lo fa dopo morto. Ma chi ci crede ? Uno che si comporta così o è un fasullo o è un vigliacco.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 24/03/2014 - 00:27

Ci sono molte cose ancora da scoprire sui fatti che riguardano le BR. Moltissimo da chiarire sulle connivenze che hanno permesso loro di muoversi agevolmente per anni. Vorremmo sapere quanti trinariciuti che oggi fanno politica hanno responsabilità in quella porcheria che ha insanguinato il nostro paese. SAREBBE IL CASO DI TOGLIERE IL VELO CHE COPRE QUEL TAVOLINO SPIRITICO ABILMENTE GESTITO DAL SIG. PRODI.

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Lun, 24/03/2014 - 09:34

se fosse vero sarebbe veramente disgustoso. elementi dei servizi segreti che proteggono assassin di poliziotti. pagina nera della democratica Italia.