"Aiutò il killer di Nizza" ​Incriminato un 36enne

Un uomo di 36 anni, conoscente di Mohamed Bouhlel il killer di Isis che il 14 luglio massacrò 84 persone investendole con un camion sulla Promenade des Anglais, è stato incriminato dalla procura di Parigi

Un uomo di 36 anni, conoscente di Mohamed Bouhlel il killer di Isis che il 14 luglio massacrò 84 persone investendole con un camion sulla Promenade des Anglais, è stato incriminato dalla procura di Parigi. Hamdi Z. (questi i dati forniti dai giudici) con l’accusa di "associazione a delinquere con il fine di commettere un atto terroristico" e messo sotto custodia in detenzione preventiva. Si tratta della sesta persona sospettata di aver aiutato il killer di Nizza. Intanto in Francia scattano nuove misure per contrastare il radicalismo islamico. I prvvedimenti entrati in vigore prevedono una formazione civica obbligatoria per chi, tra gli imama, eserciti le proprie funzioni nelle carceri, ma soprattutto accettazione da parte di tutti di una carta deontologica che sarà elaborata nelle prossime settimane, in modo da ottenere da chi aderisca "un impegno chiaro circa i discorsi da pronunciare nelle moschee e nei luoghi di culto islamici".

Commenti
Ritratto di d-m-p

d-m-p

Mar, 02/08/2016 - 02:10

A guardare il parabrezza del camion , noto che tutti i fori di proiettili sono dalla parte del non guidatore , come mai ? Non hanno mica la guida a sinistra in Francia ? E allora ?

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 02/08/2016 - 09:51

......"carta deontologica"....Sapete cosa ci faranno gli IMAN,con questa "carta deontologica"??...Ci vuole altro,anche se ormai,l'"altro",non sarebbe più "democratico" e "politicamente corretto"....