Alghero, campi rom rasi al suolo: ora a pagare le case ci pensa la Ue

In Sardegna i campi sono stati chiusi per davvero: i nomadi vengono ospitati in appartamenti privati. Paga Bruxelles

Un campo rom in una foto d'archivio

Che i campi rom siano un'esperienza da superare lo dicono quasi tutti, a destra come a sinistra. Qualcuno va più per le spicce, come Salvini;, che ha proposto di radere al suolo tutti i campi. Anche tra i fautori di un'integrazione più "graduale", però, tutti sembrano concordare sulla necessità di chiudere i campi ed inserire i loro occupanti in un regime di normalità, abitativa e lavorativa.

La domanda, tuttavia, sorge spontanea: una volta chiusi i campi, i rom dove finiranno? Non è semplice per persone spesso socialmente emarginate, in gravi difficoltà nella ricerca di un lavoro, reinserirsi a pieno titolo nella società. Così è con stupore che si guarda al caso di Alghero, in Sardegna, dove i campi nomadi sono stati chiusi e la locale comunità rom trasferita in abitazioni "regolari".

Com'è stato possibile? Leggendo il locale La Nuova Sardegna, si apprende come il trasferimento dei nomadi sia stato possibile grazie alla strategia di inclusione dei rom, sinti e caminanti dell'Unione Europea. L'obiettivo è eliminare i campi-ghetto e inserire i rom nella comunità locale. Ad Alghero, grazie anche alla mediazione dell' "Associazione sarda contro l'emarginazione" della signora Irene Baule e di suo marito Giuseppe, il comune ha ottenuto un finanziamento europeo di 250.000 euro, erogato tramite la regione Sardegna, per alloggiare 11 famiglie rom in diversi appartamenti privati presi in affitto. E smantellare così il campo rom.

"All'inizio c'è stata molta differenza e anche razzismo- ci spiegano i due coniugi al telefono - Ma alla fine si è trovata una soluzione per tutti, anche per quelle famiglie 'problematiche'. Queste persone sono tenute ai margini della società per colpa dei pregiudizi. Ma presentando ai proprietari di casa le singole storie, molte titubanze sono state vinte."

I fondi Ue vengono usati, ci spiega il signor Giuseppe, per pagare i primi quattro anni di affitto a questi undici nuclei, oltre ad alcune spese ed alcune bollette. Poi la speranza, ci confessa la signora Irene, è che "col tempo qualcuno trovi un lavoro regolare e inizi a pagare una parte dell'affitto. Così, auspicabilmente, si riuscirà anche ad allungare la durata del progetto..."

E non è tutto: l'emergenza abitativa è solo uno dei molti punti con cui le associazioni caritative si propongono di aiutare i rom. L'obiettivo è aiutarli ad ottenere la residenza, il permesso di soggiorno, un lavoro regolare... Per questo ci sono già numerosi progetti della Regione Sardegna, con relativi finanziamenti. In ottemperanza alle direttive dell'Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali (il famoso Unar) e della Ue. Che lavorano - e raccolgono fondi - per l'integrazione.

L'esperimento, assicurano da Alghero, per ora funziona alla grande. Scaduti i quattro anni di affitto pagato, si vedrà che succede. Nel frattempo i rom ringraziano.

Commenti

moshe

Mar, 14/04/2015 - 20:14

RISULTATO? Le coop rosse fanno affari ed i bastardi rimangono in casa nostra a delinquere !!!

Ritratto di franco_DE

franco_DE

Mar, 14/04/2015 - 20:24

lavorare gli zingari? Un miracolo non ce ne è per gli italiani regolari ci sarà per loro?

eternoamore

Mar, 14/04/2015 - 20:26

E I SARDI DOVE VANNO A DORMIRE SE NON HANNO UNA CASA?

giovanni951

Mar, 14/04/2015 - 20:58

ma perché qualcuno ( coi nostri soldi ovviamente) deve pagar loro tutto? basta aiuti..e se rubano li si sbatte il galera senza passare dal via.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Mar, 14/04/2015 - 23:51

Certo,sotto la voce: " contributi versati all'Italia.

FRANCO1

Mer, 15/04/2015 - 01:57

Salvini ha detto le stesse cose ed è stato duramente contestato...qui in sardegna hanno fatto e tutto va bene...come la mettiamo?? e l'italiani che sono nelle stesse condizioni???

portuense

Mer, 15/04/2015 - 05:38

domande: ma la ue dove prende i soldi ? dopo quattro anni che succede ? non c'è lavoro per i sardi figuriamoci per i nomadi. chi non ha un reddito venga espulso, i nomadi italiani facciano i nomadi. basta con il buonismo pagato sempre dai soliti. basta nascondersi dietro ai bambini, i rom fanno bambini a iosa perche' li sfruttano.

Nerone64

Mer, 15/04/2015 - 06:41

per le famiglie italiane che dormono in auto a seguito della perdita della abitazione causa impossibilità di pagamento mutuo CE NE FREGHIAMO INVECE! per loro nessuna pietà, sono solo italiani di etni siciliana, sarda, lombarda, piemontese, etc, non sinti nè rom, quindi meno importanti!!! e noi saremmo i razzisti! che schifo!

NON RASSEGNATO

Mer, 15/04/2015 - 07:11

Sicuri che non li abbiano ancora subaffittati?Fra quattro anni i proprietari degli appartamenti non beccheranno più un quattrino e se li troveranno devastati.

vigpi

Mer, 15/04/2015 - 07:36

ora che 11 famiglie costituiscano "UN CAMPO ROM" mi pare un pò esagerato. E comunque non sarebbe stato meglio che tutto sto impegno la sardegna l'avesse messo per risolvere i problemi dei minatori del Sulcis?????

gigetto50

Mer, 15/04/2015 - 08:03

....a parte che i soldi UE sono ANCHE soldi italiani, questa é la solita soluzione all'italiana: vedremo tra 4 anni...speriamo che nel frattempo..per adesso...Tutto questo sapendo perfettamente quali siano le vere intenzioni dei ROM (non tutti ma la stragrande maggioranza..)riguardo il lavoro... Vedremo tra 4 anni....

Tuthankamon

Mer, 15/04/2015 - 09:14

Sono sempre i nostri soldi! Cosi' oltre ai 35 Euro al giorno (per persona) a persone di dubbia identita' e parentela, gli paghiamo anche l'affitto! Ma cosa stiamo facendo e dove stiamo andando??

Ritratto di bobirons

bobirons

Mer, 15/04/2015 - 09:24

04.14 - h- 20,48 -- Nomadi in appartamenti fissi ? Non è un ossimoro, è una doppia assurdità, primo perché la stanzialità non si addice alla qualifica di nomade, secondo perché così facendo si ignorano norme sia di legge che di buonsenso, incentivando l'evasione dal lavoro, dal contribuire con tasse al benessere sociale, dall'accertare come queste persone vivano se e quando non hanno redditi accertabili.

marcogd

Mer, 15/04/2015 - 14:29

intanto, in una casa ci sono entrati, e visto le leggi italiane sugli sfratti e gli indirizzi politici sulle occupazioni, da lì non li toglierà più nessuno. Anche perchè scommetto qualunque cifra che un reggimento di ragazzotti PiDdini si saranno già mossi per istruirli sui diritti! Ah! Diritto, che meravigliosa parola, vero??