Alghero, sulla spiaggia da ora è vietato ballare

Folle decisione del comune sardo: la polizia interrompe una festa in riva al mare. Sconcertati i residenti: "Così si ammazza il turismo"

È sicuramente, fino ad ora, il divieto più assurdo dell'estate: ad Alghero non si può ballare in spiaggia.

In base a questa normativa, riporta il quotidiano "La Nuova Sardegna", la polizia di Stato è arrivata fin da Sassari per interrompere la festa in spiaggia "Music Wellness". Un appuntamento che in tre giorni aveva richiamato sulla costa occidentale dell'isola migliaia di giovani, attratti dai tanti eventi notturni, dall'arte e dal divertimento.

Ora però, grazie a quel divieto, tutto è stato sospeso. In rete sono esplose le proteste contro una decisione che pare incomprensibile.

"È una motivazione pretestuosa, davvero incredibile, qui si vuole impedire il divertimento a ogni costo"; è l’accusa unanime che parte dai social network. In una città che vorrebbe campare di turismo, "intrattenimento significa economia e occupazione, i nostri amministratori si diano una mossa".

Commenti

marygio

Mer, 15/07/2015 - 14:59

fantatisco! mi sembra troppo sconveniente e fuori luogo divertirsi in estate sulla spiaggia

momomomo

Mer, 15/07/2015 - 15:04

Ma era proprio necessaria un'altra, nuova prova di quanto si può essere cretini? No, non era necessaria, ma certe amministrazioni comunali ci tengono tanto a rassicurarci della loro continua, perenne, ininterrotta imbecillità.... Poi, ballando sulla spiaggia, la sabbia viene girata e rigirata, mischiata, aerata, rinfrescata, livellata, pulita ...a gratis.

Tuthankamon

Mer, 15/07/2015 - 15:04

Mi auguro che ci siano dei motivi seri perche' se fosse solo per far piacere a qualcuno, saremmo al ridicolo!

Ritratto di llull

llull

Mer, 15/07/2015 - 15:21

Effettivamente, detta cosí la cosa sembra alquanto assurda. La realtà invece consiste nel fatto che la spiaggia del Lido di Alghero si trova a poche decine di metri dalle abitazioni ove risiedono non solo turisti ma anche e soprattutto persone che la mattina dopo devono alzarsi presto per andare a lavorare. La notizia qui pubblicata non menziona il fatto che la musica che accompagnava il ballo aveva un'emissione acustica ben al di fuori del limite consentito ed oltretutto si era anche al di fuori della fascia oraria permessa. Saluti a tutti da Alghero dove noi che ci viviamo è come se fossimo tutto l'anno in vacanza.

Ritratto di Lupry

Lupry

Mer, 15/07/2015 - 15:22

Ma non sarebbe meglio vietare i vu cumprà??!!

Ritratto di Farusman

Farusman

Mer, 15/07/2015 - 15:27

"Migliaia di giovani".....ok, si divertano e facciano casino così come abbiamo fatto noi da giovani. Ma chi non è più giovane ha diritto, il mattino dopo, ad una spiaggia ove decentemente fare il bagno e prendere sole, magari dopo aver riposato la notte. Probabilmente occorrerebbe far convivere queste due esigenze.E, non avendo notizie, non si sa cosa dire. Le esigenze dei turisti però non sono le stesse per tutti i gusti: c'è chi vuole riposare e divertirsi con moderazione e chi per divertirsi deve fare casino. Occorre fare una scelta. Le due cose difficilmente possono convivere.

pilandi

Mer, 15/07/2015 - 15:35

dal ballo al rave il passo è breve...

paolo b

Mer, 15/07/2015 - 16:03

perché in questi articoli non inserite il nome e cognome del sindaco, funzionario o chi altro ha firmato una simile ordinanza, a dir poco stupida, in modo che almeno al gente sappia di chi è la responsabilità se in futuro vi sarà un calo di presenze turistiche, e si sappia regolare alle prossime elezioni. qui a ravenna quel genio del ns. sindaco vieto le feste in spiaggia accampando una fantomatica normativa antincendio, in spiaggia dove vi è sabbia e dove in un caso di incendio ci si può spostare di qualche metro senza problemi , in quanto non vi sono porte o barriere di alcun genere. comunque è meglio che i turisti abbandonino le ns. località e passino le vacanze in luoghi tipo Ibiza o formentera dove per il momento i cretini non sono ancora arrivati!!!

Ritratto di floki

floki

Mer, 15/07/2015 - 17:51

Magari si vuole evitare che la mattina dopo la spiaggia venga ridotta a una discarica e/o latrina!! Non è che in nome del turismo tutto sia lecito!! I problemi turistici della Sardegna sono altri e seri... non certamente questi!! Poi se qualcuno la mattina ama crogiolarsi al sole stendendosi nella sabbia umida di pi.... libero di farlo!!

danca979

Mer, 15/07/2015 - 18:01

pienamente d'accordo con @llull, anche a Gallipoli (le) la situazione non è così diversa. Lidi trasformati in discoteche a cielo aperto, dove dal pomeriggio non c'è controllo sui decibel e l'alcool scorre a fiume, impedendo sia a residenti sia a turisti che decidono di andare al mare di trascorrere qualche ora in totale relax. La cosa che fa più rabbia è che le istituzioni (comune e prefetto) sanno benissimo cosa succede, ma non fanno nulla per far rispettare le regole. solo chi vive in questi luoghi può capire com'è la situazione.

semelor

Mer, 15/07/2015 - 21:25

Certo che i divieti in spiaggia a volte sono assurdi. In una spiaggia Vicino a Chioggia e' vietato ai bambini fare buche in spiaggia anche sotto il proprio ombrellone, e non buche di chissà quali dimensioni, anche buche di dimensioni da sotterrare i piedini ai bimbi. Sarà poi così pericoloso? Noi che facevamo buche con secchiello e paletta, facevamo pure con la sabbia i vulcani, poi più grandi la sera in riva al mare con la chitarra cantavamo, si faceva il falò e i bagni di notte. Adesso tutto recintato, tutto vietato,

kitsune

Gio, 16/07/2015 - 09:41

concordo con llull e altri che hanno espresso la stesso parere.. io da adolescente mi divertivo molto sembra restare a ballare o ubriacarmi tutta la notte.. ed Alghero merita un turismo di gente decente e pulita, non ragazzetti ubriachi e drogati

itsoisi

Gio, 16/07/2015 - 18:39

Concordo con @llull. La libertà di ognuno termina dove inizia quella dell'altro. E il diritto di ballare sulla spiaggia da parte di chi é in vacanza vale tanto quanto il diritto di chi di notte deve dormire perché l'indomani mattina deve andare a lavorare. Sorrido leggendo chi parla di decisioni demenziali, perenne imbecillità e altre espressioni di evidente ignoranza. La spiaggia di cui si parla ha alle spalle (ma la foto, appositamente, non lo fa vedere) un intero quartiere, case abitate da persone che vorrebbero anche dormire dato che, contrariamente a chi si ritira a dormire alle 7 del mattino dopo aver ballato tutta la notte, alle 7 del mattino va a lavorare. Prima di accusare di perenne imbecillità sarebbe sufficiente documentarsi, leggere, comunque informarsi. Solo dopo si può essere in condizione di esprimere un giudizio sensato. Fino a quel momento, blaterare sulla base di un articolo incompleto equivale a un'espressione di purissima ignoranza e maleducazione.